Bucchianico: "Il sindaco Tracanna in consiglio si oppone alla verità sullo scempio del campo sportivo"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Si è svolto ieri un importante consiglio comunale a Bucchianico. Al primo punto dell’ordine del giorno vi era la discussione sulla richiesta formulata dai consiglieri di minoranza di istituire una commissione per approfondire e riferire sulle note vicende del campo sportivo di Bucchianico.

Da circa sette anni il campo sportivo, punto di ritrovo di tanti giovani, è di fatto inutilizzabile a seguito dell’avvio dei lavori di ampliamento mai terminati. Proprio da questa situazione sulla quale negli anni si sono susseguite azioni giudiziarie e richieste di risarcimento, il consigliere Renzo Di Lizio (FDI), con un’interpellanza urgente sottoscritta da tutti i consiglieri di minoranza Angela Polidoro, Ercole Mecomonaco e Gianluca De Leonardis, ha proposto l’istituzione di un gruppo consiliare – previsto nel regolamento – per approfondire e studiare questa ingarbugliata vicenda al fine di fare chiarezza verso i cittadini.

Lo stesso sindaco Tracanna, sin dal suo insediamento a maggio 2019, non ha mai risparmiato critiche durissime all’amministrazione uscente circa, dal suo punto di vista, la gestione superficiale dell’intera vicenda. Eppure, inaspettatamente, al momento del voto, la maggioranza su proposta dello stesso sindaco Tracanna ha bocciato questa richiesta trasparenza. Tracanna motiva la sua scelta dicendo che sarebbe stata inutile una commissione; avrebbe appesantito il lavoro degli uffici comunali. Questa spiacevole vicenda, dice il consigliere Renzo Di Lizio (Fdi) ha gravissime ripercussioni sul paese e sulla locale associazione sportiva calcistica costretta a mendicare un campo sportivo per gli allenamenti ad altri comuni, ma rappresenta anche una mancata occasione di trasparenza e democrazia. La domanda spontanea è: "non c’erano fatti da approfondire oppure una volta emersi sarebbero stati scomodi per qualcuno?".

Torna su
ChietiToday è in caricamento