Amianto nell'ospedale di Lanciano, Taglieri (M5S): "ancora nessuna bonifica"

Una visita ispettiva del consigliere regionale pentastellato mette in luce la situazine dei sotterranei del nosocomio

Il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Francesco Taglieri ha fatto visita all'ospedale Renzetti di Lanciano per verficare la situaione della presenza di amianto. 

"Mi sono recato in visita ispettiva a seguito della segnalazione di alcuni dipendenti che mi hanno mostrato una circolare di marzo in cui si chiedeva agli stessi di non passare nei sotterranei, senza però specificarne il reale motivo  negli uffici del direttore sanitario ho incontrato i carabinieri forestali che stavano eseguendo dei controlli sullo stato della bonifica dei locali con amianto, che sarebbe dovuta partire già dal 2015 a seguito delle analisi che ne accertarono la presenza".

Una visita svolta assieme ai carabinieri della Forestale.

"Abbiamo potuto riscontrare che l’amianto è ancora tutto lì e che il personale sanitario continua a transitare in quei corridoi senza neanche i DPI (dispositivi di protezione individuale) e che, addirittura, il personale tecnico, costretto ad entrare nei locali certamente contaminati, non abbia a disposizione una zona filtro in cui cambiarsi prima e dopo l’accesso, diventando dei portatori liberi di amianto anche all’interno dei locali di degenza e dei locali amministrativi. Un fatto gravissimo – afferma Taglieri - se si pensa a quanto l’amianto sia nocivo sia per il personale sanitario che per i pazienti che, loro malgrado, potrebbero entrare a contatto con una sostanza altamente inquinante". 

Taglieri poi spiega i motivi per cui il personale continua a transitare nei sotterranei nonostante la presenza di amianto.


 
"La risposta ce l’ha fornita lo stesso personale sanitario. Sembrerebbe, infatti, che i percorsi alternativi a quelli vietati non sono stati tracciati, o comunque non sono stati comunicati al personale che si trova impossibilitato a muoversi tra i comparti del nosocomio senza transitare nei locali ad alto rischio".

Una situazione più volte denuciata ma che al momento non ha trovato soluzione.

Ci stupisce, quindi, che fino ad oggi nessuno si sia attivato per la tutela del personale e dei pazienti e che la circolare del direttore generale Orsatti, che inibisce il passaggio nei locali sotterranei, non abbia trovato seguito nella struttura poiché il Direttore di Area medica pare non abbia fornito al personale né un percorso alternativo né quegli elementi di sicurezza, indispensabili per operatori sanitari e pazienti. In attesa della bonifica, che ci auguriamo parta nel più breve tempo possibile, chiediamo che vengano immediatamente dotati medici ed infermieri di DPI (mascherine, guanti, copri scarpe, camici ecc) e che sia adibita una zona filtro per il personale tecnico. Interventi che riteniamo indispensabili nel minor tempo possibile e su cui invitiamo l’Assessore Verì a vigilare affinché siano portati adeguatamente a termine”.

Potrebbe interessarti

  • Addio Contessa: il cane di quartiere che viveva in via Gran Sasso muore dopo un investimento

  • Teli e canotti per prevenire i danni della grandine: l'ingegno degli abruzzesi fa il giro del web

  • Come tenere lontani i piccioni da casa (e non solo)

  • 4 pizzerie in provincia di Chieti, tra sapori tradizionali e sperimentazioni gourmet

I più letti della settimana

  • Morto davanti agli occhi dei familiari dopo una lite in strada a Pescara, la vittima era di Tollo

  • Si scontra con un'auto durante un sorpasso, gravissimo un motociclista di 26 anni

  • Incidente sul lavoro a Chieti Scalo: un uomo è in gravi condizioni

  • Sorpresi con 2 chili e mezzo di eroina in via Ettore Ianni: spacciatori finiscono in carcere

  • Intrappolato nell'auto dopo l'incidente: muore dopo quattro giorni in ospedale

  • Ferito a una gamba mentre taglia un bidone d'acciaio a Chieti Scalo

Torna su
ChietiToday è in caricamento