ITIS Savoia, partito il progetto “Summerstem: costruiamo insieme la scienza in estate”

Da lunedì ha preso il via il percorso di contrasto agli stereotipi di genere nei percorsi scolastici

Si chiama “SummerStem: costruiamo insieme la scienza in estate” il percorso avviato all'ITIS Savoia di Chieti in collaborazione con l'IIS Pomilio e gli istituti comprensivi n.2 di Chieti e Buonarroti di Ripa Teatina.  Il progetto è finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dipartimento per le pari opportunità, e mira a promuovere le pari opportunità e a contrastare gli stereotipi di genere nei percorsi scolastici.

Un esempio? Le ragazze vengono erroneamente percepite come non adatte allo studio delle materie scientifiche, rispetto ai loro coetanei maschi. Il risultato è una assenza o una percentuale molto bassa di ragazze nelle facoltà scientifiche.

L’obiettivo, dunque, è far emergere attitudini nascoste, curiosità e interesse negli alunni e soprattutto nelle alunne partecipanti al progetto, far comprendere ai ragazzi che l’ambito tecnico-scientifico ha spazio per tutti.

Le attività che vengono proposte saranno realizzate in due anni, in periodo estivo, e sono strutturate in sette laboratori interni alle due scuole superiori e tre visite guidate presso enti esterni partner del progetto. Nei laboratori interni i piccoli studenti faranno esperienze dei rapporti tra matematica e coding, informatica, robotica, programmazione, stampanti 3D, disegno meccanico, fisica del volo, biologia.


Due visite guidate sono organizzate presso i due centri di eccellenza scientifica, a livello mondiale, del territorio abruzzese: i Laboratori Nazionali del Gran Sasso, il più grande laboratorio scientifico al mondo per estensione, e il Gran Sasso Science Institute, scuola di dottorato internazionale e di studi avanzati di fisica, matematica, informatica e scienze sociali.  La terza visita guidata sarà presso l’Aeroclub “Breda” a Pescara, esempio di come le conoscenze scientifiche diventano realizzazioni tecniche, che possono contribuire all’innovazione della tecnica e del progresso scientifico.


Il prodotto finale del progetto sarà la costruzione di un sito web dove raccogliere le “nuove scoperte” e i lavori degli studenti, per favorire la diffusione delle buone pratiche didattiche tra le varie scuole.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Accoltellata nel cortile di casa a Francavilla: non ce l'ha fatta Aliona Oleinic

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

  • Dopo il cambio di sesso, Carmen Eleonor si racconta per combattere i pregiudizi

  • Visite fiscali 2019: gli orari e le ultime novità targate Inps

  • Pensionato a spasso col cane trova un chilo e mezzo di eroina nel parco

Torna su
ChietiToday è in caricamento