Quasi 5 mila bambini in tre mesi hanno usufruito del servizio Piedibus a Lanciano

Bilancio positivo per il comitato, affiancato dall'impegno di oltre 900 volontari e dalla collaborazione con la polizia municipale

Sono 4.665 i bambini che dall'inizio dell'anno scolastico 2019/2020 e fino all'inizio delle vacanze di Natale hanno usufruito del Piedibus a Lanciano, accompagnati da 903 volontari sulle cinque linee attive (quattro principali, più una deviazione). È positivo il bilancio del Comitato che, al momento, è l'unico caso di “Patto di collaborazione sui Beni Comuni” operativo a Lanciano.

Operativo da giugno 2018 in via sperimentale, a Lanciano il Piedibus è ormai un servizio consolidato, con numeri in crescita. Attualmente, sono raggiunte dai cinque percorsi la scuola dell’infanzia Maria Vittoria, le scuole primarie elementari Rocco Carabba, Eroi Ottobrini, Principe di Piemonte e Don Milani e le medie Umberto I e Mazzini.

Lungo il percorso a piedi che li porta a scuola, gli alunni incontrano spesso automobilisti indisciplinati che parcheggiano le proprie vetture in spazi vietati, provocando intralcio e spesso pericolo per i partecipanti. Sono i bambini stessi a elevare “multe morali”, che mettono sul parabrezza per invitare gli automobilisti ad un comportamento corretto e punirli con il “senso di colpa”. Finora ne sono state comminate 15, per altrettante gravi infrazioni. Nel corso del 2020, verranno organizzate uscite di gruppo anche pomeridiane in giro per la città per riscontrare e sanzionare questi comportamenti non conformi a una sana convivenza civile.

Dopo la festa dell'albero dello scorso 21 novembre, organizzata insieme al Cai- Club Alpino di Lanciano e al Parco Nazionale della Maiella, nel corso del 2020 il Comitato sarà protagonista di una grande campagna di piantumazione urbana. In più, tra i progetti dell'anno nuovo, c'è quello di allargare il panorama dei sostenitori, dopo quelli che già hanno mostrato grande vicinanza nel 2019, come la ditta Autolinee di Fonzo, Ecolan e Sandora, che hanno fornito 600 pettorine fluorescenti personalizzate. L'obiettivo è individuare negozi o locali contraddistinti dall’adesivo “Amico del Piedibus”, dove si potrà ottenere assistenza e qualsiasi tipo di informazione riguardo al servizio, soprattutto per i più piccoli.

Nel 2020, sarà intensificata la collaborazione con la polizia municipale su obiettivi comuni, quali una più sicura e salutare fruizione delle strade, delle piazze e degli spazi pubblici condivisi.

Il Comitato Piedibus mira anche a rendere i dintorni degli edifici scolastici degli spazi sicuri e salubri. Per questo, in collaborazione con l’amministrazione comunale e la polizia municipale, nel corso del 2020 sarà sperimentata la creazione di “aree di rispetto” interdette al passaggio delle auto almeno negli orari di entrata ed uscita dalle lezioni, in modo da garantire la salute e la sicurezza di bambini e ragazzi, attualmente seriamente minate dagli ingorghi di macchine che si creano quotidianamente in quegli orari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo ancora tante altre idee - spiega il Comitato - ma già queste assorbiranno molte energie per cui chiediamo la partecipazione di chiunque intenda occupare un po’ del proprio tempo in favore della nobile causa dei Beni Comuni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento