Raccolta rifiuti Raee: la provincia di Chieti si distingue per raccolta assoluta e pro capite

La provincia di Chieti, con 2.347 tonnellate, raccoglie oltre un terzo della raccolta complessiva di rifiuti tecnologici sull’intero territorio regionale

Secondo i dati dell’ultimo Rapporto Annuale del Centro di Coordinamento Raee, nel 2019 l’Abruzzo supera per la prima volta le 6.000 tonnellate di rifiuti tecnologici (+5,4%), ma la raccolta pro capite si conferma ancora al di sotto della media nazionale e tra le più basse in Italia. Fa eccezione la provincia di Chieti che si distingue per raccolta assoluta e pro capite.

Il Rapporto Annuale 2019 raccoglie e sintetizza i risultati della raccolta conseguiti dai Sistemi Collettivi secondo le indicazioni del Centro di Coordinamento Raee, l’unico report in grado di fotografare l’andamento della raccolta di rifiuti domestici nella sua totalità a livello nazionale.

Il trend di crescita positivo dell’Abruzzo è in linea con quello registrato l’anno precedente, ma inferiore alla crescita della maggior parte delle restanti regioni, al punto da classificarsi al quart’ultimo posto per incremento nel 2019. A seguito di questo incremento, aumenta anche la raccolta pro capite che si attesta a 4,61 kg per abitante (+5,7%), ancora però al di sotto della media nazionale (5,68 kg/ab) e ancor più da quella dell’area di riferimento (5,91 kg/ab).

La classifica dei rifiuti Raee raccolti

A livello di tipologie, il raggruppamento che incide maggiormente sulla raccolta complessiva con un peso del 31,0% è quello del freddo e del clima (R1), che registra il secondo miglior incremento a livello complessivo (+7,9%). Tv e monitor (R3) si confermano al secondo posto con un peso del 27,8% ma in calo dell’1,6%, terzo posto per i grandi bianchi (R2) che arrivano a pesare poco più del 20% sul totale in forza di un incremento dell’1,8%.

Un peso similare a quello dei grandi bianchi lo raggiungono piccoli elettrodomestici e consumer electronics (R4) grazie a un’ottima performance (+17,0%).

Male invece le sorgenti luminose (R5) la cui raccolta si riduce di oltre l’8% (0,36%).

La raccolta Raee a Chieti

La provincia di Chieti, con 2.347 tonnellate, raccoglie oltre un terzo della raccolta complessiva di rifiuti tecnologici sull’intero territorio regionale, ma è anche l’unica a segnare un meno rispetto al 2018 (-2,9%). La provincia svetta anche nella raccolta di rifiuti tecnologici legati a R2, pari a 642 tonnellate.

Raccolta pro capite a Chieti

A livello di raccolta pro capite, la provincia di Chieti è saldamente al vertice con 6,09 kg/ab, al di sopra sia della media nazionale sia di quella dell’area di riferimento. La raccolta si concentra sui rifiuti tecnologici di R1 e R2 con, rispettivamente, una media pro capite di 1,88 kg/ab - dato superiore alla media italiana, ma lontano da quello delle province più performanti - e 1,66 kg/ab, dato positivo a livello regionale, ma ancora lontano dai quasi due chili della media nazionale e gli oltre cinque chili delle province più virtuose.

Sulla situazione abruzzese il direttore generale del Centro di Coordinamento Raee Fabrizio Longoni dichiara:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il percorso intrapreso dalla regione Abruzzo è un lento, ma costante incremento della raccolta i cui risultati continuano, però, a deludere. Solo la provincia di Chieti ha dati che possono essere considerati incoraggianti, mentre sono appena sufficienti quelli delle province dell’Aquila e di Teramo. Purtroppo la provincia di Pescara permane in una situazione di raccolta Raee estremamente bassa senza riuscire a colmare il gap con le altre province regionali e penalizzando oltremodo il risultato dell’intera regione. Una riflessione particolare merita la raccolta delle sorgenti luminose che a livello regionale si attesta su un valore tra i più bassi di Italia e pari alla metà di quello nazionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • Bimbo di 3 anni investito mentre attraversa la strada con la mamma: panico a Chieti Scalo

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento