Natale: a Rapino gli alberi 'riciclati' addobbati dalle scuole

Gli alberi esposti per le strade del centro storico, dopo le feste verranno riconsegnati a un centro commerciale in cambio di un buono acquisto per le scuole

Si chiama 'Un albero in Comune' il progetto realizzato dal Comune di Rapino, in collaborazione con la Scuola dell'Infanzia, Primaria e Secondaria. Il Comune ha fornito ad ogni classe un pino vero, da addobbare osservando il tema del riciclo e del riuso dato quest'anno.

Gli alberi sono stati esposti dal 7 dicembre per le strade del centro storico del paese, successivamente verranno riconsegnati a un centro commerciale in cambio di un buono acquisto del valore di 15 euro per ogni albero, che le scuole potranno spendere per comprare mobili, arredi ed altro materiale di cui hanno bisogno.

"Abbiamo voluto sostenere e promuovere un Natale rinnovato più sostenibile e creativo - spiega il sindaco di Rapino, Rocco Micucci -attraverso l'utilizzo di rifiuti di uso quotidiano, come lattine, plastica, carta si e' affrontato il tema del riuso del materiale di uso quotidiano, inventando addobbi originali ed unici. Sappiamo bene -che la maggior parte degli addobbi natalizi, oltre che realizzati con materiali spesso inquinanti, sono oggi prodotti nel sudest asiatico e per raggiungere il nostro paese devono affrontare lunghi viaggi con conseguenti sprechi di risorse energetiche. Inoltre sono spesso realizzati in materiali plastici o sintetici di difficile smaltimento e inquinanti per l'ambiente".

Presto l'amministrazione comunale annuncerà altre attività legate alla sostenibilità ambientale.

".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento