Giornata mondiale della biodiversità: festeggiamola e proteggiamo l’ecosistema

La biodiversità è la grande varietà di animali, piante, funghi e microorganismi che costituiscono il nostro Pianeta

La giornata mondiale della biodiversità, istituita dall’Onu nel 1992 e che si festeggia ogni anno il 22 maggio, serve a ricordarci quanto prezioso e variegato sia il nostro pianeta e che dobbiamo proteggerlo.

“La biodiversità è la grande varietà di animali, piante, funghi e microorganismi che costituiscono il nostro Pianeta”. In questo modo il Wwf spiega cos’è la biodiversità, e prosegue “Una molteplicità di specie e organismi che, in relazione tra loro, creano un equilibrio fondamentale per la vita sulla Terra. La biodiversità infatti garantisce cibo, acqua pulita, ripari sicuri e risorse, fondamentali per la nostra sopravvivenza”.

Perché la biodiversità è a rischio

Anche se la natura si rigenera ogni giorno e si riprende i suoi spazi, quando consentito – come in questa enorme emergenza Coronavirus – è importante darle il tempo per riuscirci. Affinché sia possibile bisogna ridurre l’impatto dell’uomo sulla Terra. Infatti, lo stile di vita contemporaneo mette a rischio il fragile e leggero equilibrio su cui regge la biodiversità: abbiamo sfruttato gli oceani più del dovuto, distrutto foreste, inquinato le nostre risorse d'acqua e creato una vera e propria crisi climatica.

8 consigli per tutelare l’ambiente

Ogni individuo può davvero fare la differenza. Modificare le proprie abitudini serve davvero alla natura, affinché possa rigenerarsi:

  1. diminuire il consumo di carne
  2. comprare e consumare alimenti stagionali
  3. acquistare cibi locali
  4. ridurre lo spreco di cibo
  5. compostare gli avanzi di cibo
  6. ridurre gli imballaggi alimentari utilizzando sacchetti riutilizzabili o contenitori di vetro riutilizzabili
  7. evitare plastiche monouso (cannucce di plastica, tazze per il caffè, posate di plastica, contenitori o bottiglie di plastica per l’acqua.)
  8. promuovere la biodiversità locale (razze e varietà) per cibo e nutrizione.

La biodiversità in Abruzzo

In Abruzzo c’è un grande esempio di biodiversità, una prova schiacciante di quanto la natura sia incantevole, diversa e favolosa. È il parco nazionale d’Abruzzo, una delle aree protette più grandi del nostro Paese e tra le più ricche dal punto di vista naturalistico.

Complessivamente è possibile elencare circa 2.000 specie di piante superiori senza cioè considerare i muschi, i licheni, le alghe ed i funghi.

Il Parco, inoltre, ospita una grande varietà di animali che un tempo occupavano un areale assai più esteso nell'Appennino: 67 specie di mammiferi, 230 di uccelli, 14 di rettili, 12 di anfibi, 15 di pesci, e 4.764 specie di insetti, comprendenti importanti endemismi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul portale della Regione Abruzzo c’è una pagina dedicata alle aree protette e biodiversità, mentre per scoprire le meraviglie del Parco Nazionale d’Abruzzo vi consigliamo, oltre che di visitarlo di persona, di verificare come si compone questo grande polmone verde nel cuore dell’Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento