La scuola primaria del Convitto "Vico" si trasferisce alle ex Orsoline

Chiusa la una convenzione tra la Provincia e il direttore dell'associazione Giovanni XXIII, attualmente proprietaria dello stabile in via Ravizza. Il trasferimento dal prossimo anno scolastico. La preside: "Inaugureremo con una grande festa"

Nuovi spazi per il “G.B. Vico”: a partire dal prossimo anno scolastico i bambini della scuola primaria si trasferiranno nell’edificio "Beata Vergine del Carmine" in via Ravizza. L'edificio scolastico che in passato era sede della scuola primaria e dell'infanzia gestita dalle suore Orsoline, ospiterà l'attività educativa e didattica della scuola primaria annessa al Convitto nazionale "G. B. Vico" di Chieti grazie ad una convenzione sottoscritta tra il presidente della Provincia Mario Pupillo e il direttore dell'associazione comunità Papa Giovanni XXIII, attualmente proprietaria dello stabile donato lo scorso anno dalle suore di Verona.

Il rettore dirigente scolastico del “Vico”, Paola Di Renzo, esprime soddisfazione per questa operazione le cui trattative sono state portate avanti con spirito di collaborazione tra i tre Enti. “Il Convitto Nazionale negli ultimi tre anni ha visto una crescita dei propri iscritti di circa 300 unità tra scuola primaria, secondaria di primo grado e liceo classico e artistico con un conseguente aumento dell'organico del personale. Questa nuova sede – dice la preside Di Renzo -  grazie alla Provincia di Chieti, permetterà alla scuola di promuovere una migliore didattica laboratoriale e soprattutto di garantire ai bambini uno spazio all'aperto e una palestra dove giocare in sicurezza”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Provincia fa sapere che al piano terra  dell’immobile con ingresso  da via San Rocco, saranno disponibili  la palestra, i servizi igienici e gli spogliatoi. Al primo piano saranno disponibili tre aule e i servizi igienici. “La soluzione – aggiunge la professoressa Di Renzo - è adeguata in  quanto è stato  individuato uno spazio nel centro storico della città, a poche centinaia di metri dalla sede in corso Marrucino. Il Convitto nazionale curerà la comunicazione presso i genitori a partire dai primi di settembre, rendendo note le date del trasferimento che avverrà - assicura la preside - con una grande festa che coinvolgerà tutta la comunità cittadina e del Convitto”.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il peperone dolce di Altino batte tutti: lo dice una ricerca internazionale partita dalla d'Annunzio

  • Coronavirus, la d'Annunzio partecipa allo studio sul disagio psichico dei bambini durante il lockdown

  • Studenti della rete 'Noi resistiamo': "L'università ci nega il diritto allo studio"

  • Gli studenti sognano di tornare in aula e dire addio alla didattica online

  • Si torna in aula: la Regione dice sì alla ripresa dei corsi di formazione

  • Idonei non beneficiari: dalla Regione più di 3 milioni per finanziare le borse di studio

Torna su
ChietiToday è in caricamento