“Ad Auschwitz c’era un’orchestra femminile” al teatro Tosti di Ortona

  • Dove
    Teatro F. P. Tosti
    Indirizzo non disponibile
    Ortona
  • Quando
    Dal 28/01/2015 al 28/01/2015
    21
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Si svolgerà mercoledì 28 gennaio, alle ore 21, presso il Teatro Francesco Paolo Tosti di Ortona, la pièce “Ad Auschwitz c’era un’orchestra femminile”, con la partecipazione dell’Orchestra Femminile del Mediterraneo, diretta da Antonella De Angelis e delle attrici Tiziana Di Tonno e Edmea Marzoli.

Lo spettacolo, organizzato dall’Orchestra Femminile del Mediterraneo e dalla Fondazione Dean Martin con il patrocinio del Comune di Ortona e della Commissione Pari Opportunità della Regione, è liberamente tratta dal libro “Ad Auschwitz c’era un’orchestra” della pianista cantante Fania Fénelon deportata nel campo di concentramento di Auschwitz, luogo in cui le SS vollero costituire un’orchestra femminile con le prigioniere.

Verranno eseguiti brani amati dai gerarchi nazisti: Puccini, Mascagni, Beethoven, Brahms, Strauss, Caccini e Sibelius, che si intersecheranno con la narrazione e la drammatizzazione delle protagoniste, mettendo in luce gli stati psicologici delle deportate musiciste costrette a suonare fino a 18 ore al giorno davanti ad un pubblico di prigionieri e carnefici.

Fania Fenélon (Tiziana Di Tonno), musicista francese, fu deporata ad Auschwitz e, poiché sapeva cantare e suonare il pianoforte, entrò a far parte dell’orchestra femminile del campo, che aveva il compito di accompagnare le prigioniere al lavoro all’alba e al tramonto, accogliere ogni nuovo arrivo di deportati, allietare i momenti di svago degli ufficiali SS, capaci di commuoversi all’ascolto della musica e di mandare il giorno dopo i prigionieri alle camere a gas. Fania scriverà il libro alcuni anni dopo la sua liberazione.

Fra tutti gli incontri avvenuti nel campo, il più singolare è quello con Alma Rosé (Edmea Marzoli), eccezionale violinista ebrea, nipote di Gustav Mahler e direttrice dell’orchestra. Il rapporto che nasce tra le due musiciste mette in luce il loro diverso modo di vivere il lager e la necessità di fare musica: per Fania, infatti, suonare è un mezzo per sopravvivere e sopravvivere è testimoniare.

Anche in una condizione estrema Fania riesce a mantenere intatta la propria umanità; per Alma la musica è un fine, il fine su cui ha costruito la propria identità di tutta una vita e nulla le importa più se non fare bene il proprio lavoro e realizzare musiche sublimi, disinteressandosi degli effetti collaterali delle proprie azioni.

Durante la serata di mercoledì 28 gennaio verrà effettuata una raccolta fondi a favore di Rishilpi International Onlus.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Chieti prima di Chieti": un ciclo di incontri sui personaggi che fecero la storia della città

    • Gratis
    • dal 6 febbraio al 25 giugno 2020
    • Auditorium del Museo Universitario
  • Vacri vince la sfida contro Manoppello per ospitare la Pasquetta 2020 di Arrostiland

    • 13 aprile 2020
  • Corso di pizzica salentina a Lanciano

    • dal 13 ottobre 2019 al 23 maggio 2020
    • New Crazy Lab
  • A Palazzo d'Avalos una mostra sui pittori vastesi tra Ottocento e Novecento

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 28 dicembre 2019 al 31 marzo 2020
    • Musei Civici di Palazzo d’Avalos
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ChietiToday è in caricamento