I maratoneti della lettura al Marrucino: 24 ore in compagnia dei libri - FOTO

Il teatro ancora una volta aperto giorno e notte: una staffetta culturale di voci con duecento lettori e gli autori di tutti i tempi

Ventiquattro ore senza interruzioni alla scoperta degli autori di tutti i tempi. Duecento instancabili lettori e tanta voglia di condividere i propri libri del cuore. La maratona di lettura del teatro Marrucino, inserita nel Maggio dei libri, si è conclusa ieri pomeriggio ed è stata decisamente apprezzata dal pubblico. Il Marrucino ha fatto rivivere in un certo senso l'esperienza di Amami teatro, lo scorso autunno, quando per cinque giorni la struttura è rimasta aperta giorno e notte tra musica, arte e recital.

Anche stavolta il pubblico si è sentito come a casa. Ad aprire la no stop di lettura sabato pomeriggio è stato il sottosegretario al Ministero per i beni culturali Gianluca Vacca con un brano tratto da  Sulla strada di Jack Kerouac, poi è toccato al presidente del Marrucino Cristiano Sicari con un estratto da Viteliù di Nicola Mastronardi e al prefetto Giacomo Barbato che ha scelto Il cimitero di Praga di Umberto Eco, mentre il sindaco Umberto Di Primio ha letto Viaggio in Italia di Goethe.

Tantissimi cittadini si sono prestati ad animare l'evento giorno e notte. Anche bambini: la più giovane è stata Claudia Desiderio che ha letto un brano della Storia infinita. La maratona ha visto infatti protagonisti ben duecento lettori di ogni età, oltre la metà giovani, provenienti da ogni parte dell’Abruzzo che hanno partecipato potendo scegliere passi tratti da una lista di 70 libri, sul tema del vaggio, donando la propria voce per una condivisione di emozioni e racconti straordinari di ogni tempo: dall’Odissea, passando per grandi classici, fino a testi contemporanei, di autori noti ed anche emergenti.

L'iniziativa è stata organizzata dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio d’Abruzzo, dalla Deputazione Teatrale Teatro Marrucino e dal Giardino delle pubbliche letture, progetto culturale nato nell'ambito del Comitato cittadino per la salvaguardia e il rilancio di Chieti. 

"Questa prima esperienza a Chieti della maratona di lettura ha avuto uno splendido successo - commenta Cinzia Di Vincenzo a nome del Giardino delle Pubbliche Letture - siamo entusiasti per la grande ed appassionata partecipazione, siamo grati ai lettori e agli “uditori” che si sono avvicendati nelle 24 ore ininterrotte, giorno e notte, della manifestazione senza lasciare scoperto neanche un secondo la postazione delle
letture. Ringraziamo il teatro Marrucino e la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio d’Abruzzo per questa collaborazione che ci onora, ci gratifica e rafforza una condivisione dell’impegno già avviato in occasione di precedenti progetti condivisi come il giardino delle pubbliche letture, che riprenderà a breve per l'estate, e il libro diventa teatro, per i duecento anni del Marrucino".


​"Il nostro obiettivo - conclude Di Vincenzo -  la condivisione e la partecipazione alla diretta costruzione di ogni progetto culturale, è ciò che può fare la differenza per la cultura quale elemento chiave della crescita personale, culturale e civile delle persone. Un ringraziamento speciale va al gruppo di lavoro sulla maratona da parte del Comitato cittadino: Maria Teresa Indirli, Carmela Caiani, Grazia Panara, Gilda Pescara, Anna Vaccarella, Marina De Marco, i giovani Filomena Grasso, Federico Feltrinelli, Michela Quarta, con i titolari delle librerie Antonella De Luca, Luigi Di Leonardo e Paola Riccitelli".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta in curva: arrivano i vigili del fuoco per estrarre il conducente dalle lamiere

  • Alcol e droga, strage di patenti: la Polstrada ne ritira 8 in una notte

  • Fuma una "canna" con gli amici alla villa, ma ha 12 dosi di marijuana nel marsupio: denunciato

  • Piante di marijuana alte due metri lungo il fiume Pescara: arrestati padre e figlio

  • Entra in casa della fidanzata dal balcone e la morde: 30enne arrestato a Chieti Scalo

  • Ciclista originario della provincia di Chieti muore a Roma dopo essere stato investito

Torna su
ChietiToday è in caricamento