A Luciano Odorisio il Premio Penne per il suo libro d'esordio "Non invecchieremo mai"

Il regista teatino vince la nuova edizione del premio internazionale "Città di Penne-Mosca-America" sezione degli Scrittori dal Cinema. Giovedì sarà all'università d'Annunzio

Dopo nomi come Carlo Verdone, Giancarlo Giannini, Gianni Amelio, sarà il regista teatino Luciano Odorisio a ricevere il premio internazionale “Città di Penne-Mosca-America”.

L’apprezzato artista abruzzese, con una ricca filmografia alle spalle, per decenni di stanza a Roma, sarà infatti premiato con il suo libro d'esordio "Non invecchieremo mai", edito da Il Viandante, nella sezione degli Scrittori dal Cinema

Due gli appuntamenti in programma per questa quarta edizione dedicata alla narrativa e al grande schermo, costola di un premio storico che risale al 1979: dopodomani, giovedì 4 aprile, all'Università D’Annunzio (campus di Chieti) si terrà un incontro con gli studenti, alle 17. Moderano Antonio Sorella, direttore scientifico del premio internazionale “Città di Penne-Mosca-America” e Gian Piero Consoli del comitato scientifico. Previsti anche i saluti di Stefano Trinchese, prorettore, e di Carmine Catenacci, direttore dipartimento Dilass. Il premio sarà invece conferito all’autore venerdì 5 aprile a Penne, alle 10.30, nella sala consiliare del Comune. Sarà presente, oltre al sindaco Mario Semproni, l’attore Vincenzo Olivieri, coinvolto per le letture ad alta voce. La cittadinanza tutta è invitata a partecipare. 

"Mi fa molto piacere ricevere il premio Penne - dichiara Odorisio - anche perché, prima di me, sono stati premiati altri personaggi, di chiara fama, che conosco bene. È un premio, questo, che ritengo importante e qualificante. E soprattutto, mi onora che un riconoscimento alla mia persona arrivi proprio dall’Abruzzo, terra alla quale sono ancora legato da un forte cordone ombelicale. Parlo della mia regione anche nel libro, ce l’ho davvero nel cuore. Mi piacerebbe - conclude l’autore - che Non invecchieremo mai fosse letto, più che altro per condividere delle emozioni con vecchi e nuovi amici, vecchi e nuovi lettori". 
 

Già Leone d’oro a Venezia come Migliore opera prima o seconda (Sciopèn, 1982), premio Rizzoli come Migliore Opera Prima (Educatore autorizzato, 1980), Globo d’oro stampa estera e premio Il Cairo International film festival, Odorisio raggiunge così un altro traguardo.

Un riconoscimento che emoziona anche l'editore Arturo Bernava, della casa editrice teatina Il viandante:

“Questa notizia è per me una doppia soddisfazione - dichiara -. Infatti, oltre al giusto riconoscimento per il valore del libro, il premio testimonia la bontà della nostra proposta editoriale e valorizza il serio lavoro di squadra che c'è dietro. Ringrazio il maestro Odorisio per la fiducia riposta nel mio gruppo editoriale ed in particolare la giuria del premio, che dopo aver tributato riconoscimenti a case editrici nazionali, non ha avuto timore a valorizzare una piccola, ma vivace, realtà editoriale".

Luciano Odorisio 

Ha lavorato con Stefania Sandrelli, Rodolfo Laganà, Paola Tiziana Cruciani, Tino Schirinzi, Alessandro Gassman al suo debutto, come anche Sergio Castellitto. Ed inoltre: Michele Placido, Giuliana De Sio, Guido Celano, Adalberto Merli e Elena Sofia Ricci, quest’ultima David di Donatello come Migliore attrice dell’anno grazie al film Ne parliamo lunedì (dello stesso Odorisio, uscito nel 1990). Sempre attivo, Odorisio alterna il cinema alla televisione. Gira fiction di grande impatto emotivo come Mio Figlio con Lando Buzzanca, e Pupetta con Manuela Arcuri, Tony Musante, Ben Gazzara, Luigi De Filippo. Tre anni fa, inoltre, gli è stata conferita l’onorificenza accademica dell’Università di Chieti - L’Ordine della Minerva - per aver saputo raccontare la provincia italiana nelle sue contraddizioni e velleità, tenendo a mente la grande lezione di Pietro Germi e tratteggiando una galleria di personaggi che ricordano i beffardi ritratti di Gogol e Cechov.

Potrebbe interessarti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ragno violino: cosa fare in caso di attacco

  • Roccamontepiano, la festa di San Rocco: tra culto e tradizione

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • Oggi l'ultimo saluto ad Alessandro e Federico, i fratellini annegati a Ferragosto

  • È morta Nadia Toffa, amica di Chieti e dell'Abruzzo

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

Torna su
ChietiToday è in caricamento