Teateservizi tra evasori e vincitori di concorso da dieci anni assunti a tempo determinato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Mi preme ricordare che il 12/11/19 c’è stata una sentenza del tribunale in merito a dei ricorsi di lavoratori della Teateservizi in riguardo le assunzioni a tempo indeterminato, DEL PERSONALE VINCITORE DI CONCORSO MA ASSUNTO DA DECENNI A TEMPO DETERMINATO. In quell’occasione, mancando l’avvocato della società, la difesa della stessa e’ stata presa da un avvocato che e’ anche consigliere comunale, e la sentenza ha sancito che soltanto il socio unico della società (costituito dal consiglio comunale puo’ autorizzare l’assunzione degli stessi per quanto mi e’ dato di sapere), non voglio entrare nel merito della correttezza formale del gesto del
consigliere comunale, ma adesso con l’uscita degli articoli riguardanti presunte evasioni, da parte di alcuni di loro, delle tasse cui la TeateServizi è riscossore, un grosso dubbio viene in mente…

Tutto questo tiro e molla per la assunzione di questo personale, il disinteresse tutto di tutta la classe politica non è che dipenda da questi controlli effettuati proprio dai lavoratori che devono veder trasformato il contratto di lavoro e, che hanno portato alla luce queste evasioni?Non è che per aver fatto il loro lavoro, oggi rischiano di perdere il loro posto di lavoro? Ben venga un’assemblea pubblica comunale dove per correttezza nei confronti degli elettori e di tutta la città, vengano fatti i nomi degli evasori per mettere in chiaro una volta per tutte le responsabilità di tutti amministratori e consiglieri, e si tolga l’ombra su questa mancanza di volontà nell’assunzione di questo personale.

Il mio dubbio ricade anche sulle altre sentenze fatte in questi anni sui ricorsi (sembrerebbe con le stesse modalità), se sono regolari dal punto di vista formale (potrebbe esserci incompatibilità se l’avvocato rientrerebbe negli evasori?), e divenire irregolari? Il tira e molla sui giornali, su lettere, scarichi di responsabilità ora dell’uno e poi dell’altroattore, stanno portando via prezioso tempo che rischia a breve di paralizzare tutta l’attività della società, e rischia di far perdere il lavoro ai vincitori di quel concorso.
Ci sono modalità e modi per assumere il personale che se visti di concerto con tutti gli attori porterebbe ad una veloce risoluzione di questo problema decennale. Anche perché in questo gioco delle parti anche altre sigle sigle sindacali sono restate ferme ed inermi su questo argomento.

Come già detto nel momento della mia elezione a segretario generale della provincia di Chieti di questo sindacato, la mia disponibilità è massima per risolvere una volta per tutte questo problema grottesco che affligge la TeateServizi, da troppo tempo.

Torna su
ChietiToday è in caricamento