Buche sull'asfalto e cattiva manutenzione delle strade: oltre al danno, la beffa dei risarcimenti a spese dei contribuenti

Per gli ultimi casi in ordine di tempo il Comune dovrà sborsare rimborsi consistenti a causa di pericoli non segnalati opportunamente, che hanno causato danni alle auto e ferite

Immagine di repertorio

La cattiva manutenzione delle strade cittadine rischia di costare grosso alle tasche dei contribuenti. Sono moltissime le zone della città in cui l'asfalto appare rovinato in più punti, costringendo gli automobilisti a pericolosi slalom o salti indesiderati e mettendo a rischio i pedoni più disattenti. 

L'ultimo caso in ordine di tempo è quello di una signora che, fratturatasi un piede a seguito di una caduta per strada, ha chiesto al Comune di Chieti il risarcimento dei danni. E l'ente, ora, deve pagare 1.000 euro come rimborso. 

A raccontare la vicenda è la determina 472, firmata ieri dal V settore del Comune. Il 25 ottobre scorso, G.S., 51 anni, sta camminando in via Muzii, nelle vicinanze della scuola primaria di Madonna del Freddo. All'improvviso scivola a terra rompendosi il piede, in particolare cagionandosi la frattura del V metatarso. Ma immediatamente, mentre viene soccorsa, nota che a causare la caduta è stata una buca non segnalata sul manto stradale.

Così, decide di chiedere conto al Comune del danno che si sarebbe potuto evitare con una manutenzione adeguata dell'asfalto. Alla fine, il mese scorso, l'ente e la signora ferita firmano un accordo transattivo, che prevede un risarcimento danni per mille euro. I tecnici, infatti, hanno potuto constatare che, effettivamente, nell'area dell'incidente ci sono "diverse buche con profondità di circa 3-6 centimetri e di diverse grandezze, sul manto stradale di via Muzii". 

Ma l'incolumità dei pedoni non è la sola "vittima" delle buche sull'asfalto. Pochi giorni fa, infatti, il V settore del Comune ha disposto il risarcimento per i danni a un'autovettura. In particolare, la determina 446 del 4 luglio, stabilisce il rimborso di 330 euro per i problemi causati a una Fiat 500 di proprietà di V.S..

Lo scorso gennaio, infatti, la sua auto ha subito danni alla ruota anteriore destra per una buca non segnalata in via Tirino, nei pressi del civico 85, allo Scalo. Una buca che, secondo la relazione tecnica effettuata dai periti dell'ente, "è abbastanza insidiosa". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro risarcimento eclatante riguarda non un dissesto sul manto stradale, ma addirittura una macchia di gasolio non ripulita a dovere. È il 7 ottobre 2016, quando G.M. sta guidando lungo via Spatocco. All'improvviso, perde il controllo della sua auto, che si schianta con ingenti danni. La causa dell'incidente, come appurato anche dagli agenti della polizia municipale intervenuti sul posto, è una macchia di gasolio sulla carreggiata, non ripulita, né segnalata. Ora, a seguito di una transazione, il Comune dovrà rimborsare l'automobilista con 5.700 euro, comprensivi di spese legali, per evitare un giudizio in cui verosimilmente risulterebbe soccombente e dovrebbe affrontare spese ancora maggiori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso in casa, muore a 39 anni tecnico informatico

  • Vasto e Chieti piangono la scomparsa del professor Domenico Rossi, morto a 50 anni per un malore

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Estate 2020: in spiaggia con la mascherina, sotto l'ombrellone a 1 metro di distanza. Come si andrà al mare

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

  • L'Abruzzo scelto per la sperimentazione dell'app Immuni con Liguria e Puglia, si parte a giugno

Torna su
ChietiToday è in caricamento