Lotta ai furbetti dei passi carrabili: due mesi di tempo per mettersi in regola

C'è tempo fino al 5 aprile per chiedere l'autorizzazione in sanatoria, poi scattano le sanzioni del Comune

A seguito della delibera di giunta comunale n. 651 del 27 novembre 2018, nella quale si assegnava alla polizia municipale un’attività di ricognizione generale dei passi carrabili sul territorio comunale e la verifica di eventuali situazioni di utilizzo illegittimo degli stessi, l’assessore al Traffico e alla Viabilità Mario Colantonio, al fine di assicurare il legittimo e trasparente utilizzo delle strade pubbliche, comunica a tutti coloro che abbiano bisogno di utilizzare i passi carrabili o di avvalersi di divieti di sosta nel territorio comunale, conformemente a quanto previsto dalle disposizioni legislative e regolamentari in materia, che è possibile presentare, con apposita domanda, istanza di regolarizzazione del passo carrabile al fine di ottenere il rilascio dell’autorizzazione in sanatoria, senza incorrere in alcuna sanzione pecuniaria.

La domanda deve essere presentata perentoriamente entro il 5 aprile 2019, utilizzando i moduli disponibili negli uffici del Servizio Traffico e Viabilità/Comando di Polizia Municipale, con consegna a mano all’Ufficio Traffico o all’Ufficio Protocollo del Comune oppure tramite posta certificata all’indirizzo protocollo@pec.comune.chieti.it.

Spiega Colantonio: 

Ai fini della regolarizzazione degli importi dovuti a titolo di Tosap, l’interessato dovrà provvedere al pagamento di cinque annualità pregresse, oltre a quella corrente (dal 2013 al 2018). La regolarizzazione potrà essere ammessa per un periodo inferiore ai cinque anni soltanto se, con atti aventi data certa, per esempio contratti di locazione, comodato registrati, atti di acquisto ed altro, potrà essere provata la data d’inizio dell’utilizzo del passo carrabile. L’Ufficio valuterà la sussistenza dei presupposti per il rilascio del provvedimento, disponendo l’apposizione della relativa segnaletica stradale, unitamente al numero di autorizzazione. L’obbligo della presentazione della domanda di regolarizzazione grava su tutti i proprietari di immobili od usufruttuari; nei condomini la domanda deve essere presentata dagli amministratori condominiali. Non hanno la veste di soggetti passivi l’inquilino, il nudo proprietario, il comodatario. Qualora ci fossero più proprietari, l’istanza potrà essere presentata da uno dei proprietari, corredata dalle firme di tutti gli altri.

Trascorso inutilmente il termine del 5 aprile 2019 il Comune darà avvio alle attività di accertamento sul territorio e, rilevate le irregolarità, contesterà l’illegittima occupazione di suolo pubblico degli ultimi cinque anni e dell’anno in corso, con applicazione al trasgressore, oltre al canone Tosap per le cinque annualità pregresse e per quella corrente, anche delle sanzioni pecuniarie previste dall’art. 22, comma 11, del Codice della Strada ed il passo o l’accesso carrabile sarà regolarizzato o soppresso, con ripristino dello stato dei luoghi a spese del soggetto passivo.

Per ogni informazione, è possibile rivolgersi al Servizio Traffico e Viabilità – Sig. Riccardo Tacconelli – tel. 0871/341516 – email: riccardo.tacconelli@comune.chieti.it.

Per informazioni relative ai pagamenti Tosas, è possibile rivolgersi presso l’Ufficio della Teateservizi – Piazza Paolo IV – tel.  0871/35931 – fax  0871/3593829 – email: info@teateservizi.it – pec: info@pec.teateservizi.it.

Potrebbe interessarti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ragno violino: cosa fare in caso di attacco

  • Roccamontepiano, la festa di San Rocco: tra culto e tradizione

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • Oggi l'ultimo saluto ad Alessandro e Federico, i fratellini annegati a Ferragosto

  • È morta Nadia Toffa, amica di Chieti e dell'Abruzzo

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

Torna su
ChietiToday è in caricamento