Infermieri, l'Ipasvi di Chieti aiuta a trovare lavoro nel Regno Unito

Contratti a tempo indeterminato da 23mila a 35mila sterline all'anno. Nella sede in via Spezioli l'Ipasvi sta già svolgendo giornate gratuite di orientamento per laureati e laureandi in infermieristica interessati a lavorare in Inghilterra

Il collegio Ipasvi di Chieti dà una mano agli infermieri a trovare lavoro in Inghilterra e in Irlanda. L'offerta è rivolta a professionisti già in servizio o neolaureati in cerca della prima occupazione che conoscano la lingua inglese e abbiano interesse a lavorare a tempo indeterminato in strutture pubbliche e private in Uk. Le retribuzioni vanno da 23.000 a 35.000 sterline  (da 32mila a 50mila euro circa) a seconda dell’esperienza.

Un team di esperti messo a disposizione dall’Ipasvi, la federazione che rappresenta i 3.400 infermieri attivi in provincia e tiene l’albo della professione si occperà dell'incrocio tra domanda e offerta di lavoro in ospedali pubblici (NHS Hospital Foundation Trusts), cliniche e ospedali private, case di cura o in assistenza domiciliare oltre Manica. In questo modo il Collegio Ipasvi di Chieti, presieduto da Giancarlo Cicolini, intende aiutare i professionisti della sanità, da qualunque regione italiana provenganosono disposti a fare esperienza all'estero, a migliorare la condizione lavorativa o a trovare un’occupazione, confrontandosi con un mercato del lavoro che ha ormai una dimensione internazionale.

Le condizioni contrattuali prevedono 37 ore a settimana più gli straordinari, 27 giorni di ferie annuali retribuite, 1.000 sterline come  anticipo di stipendio, volo pagato e 500 sterline come “bonus di benvenuto”.  In alcuni casi, in base al datore di lavoro, sono disponibili pacchetti trasferimento che includono anche aiuto per l’alloggio.
L’iniziativa è stata attivata in collaborazione con la Curis Recruitment, che opera direttamente con agenzie inglesi rappresentative di varie strutture sanitarie di Gran Bretagna e Irlanda. Il team seguirà tutta la prassi gratuitamente per chi ne farà richiesta direttamente tramite IPASVI, che va dal primo screening degli infermieri, con colloqui in Italia, all’estero e anche via Skype, fino all’assunzione e oltre. Presso la sede del Collegio Ipasvi di Chieti saranno organizzati i colloqui preliminari (oggi possibili prevalentemente solo in grandi centri quali Roma e Milano), saranno inoltre organizzati, a prezzi agevolati, corsi d’inglese (con particolare attenzione al linguaggio medico-scientifico) e di preparazione per i colloqui con le strutture inglesi. Nello staff anche una traduttrice giurata che, si occuperà della traduzione e asseverazione in tribunale dei documenti.

 I curriculum in inglese formato europass vanno inviati direttamente per E-mail all’Ipasvi: ipasvichieti@curisrecruitment.com. Informazioni su www.ipasvichieti.it (area Nurse Recruitment) o contattando lo 0871.401206.

Nella sede di via Spezioli 16 (Theate Center) l’Ipasvi sta già svolgendo giornate gratuite di orientamento per laureati e laureandi in infermieristica interessati a lavorare in Inghilterra.