Grotte del cavallone: arriva un milione per la funivia

La giunta regionale ha assegnato il finanziamento al Comune di Taranta Peligna per rendere perfettamente funzionante la cestovia e garantire la piena fruibilità delle Grotte

La Regione Abruzzo ha assegnato un finanziamento di un milione di euro al Comune di Taranta Peligna per gli interventi di manutenzione straordinaria della funivia delle Grotte del Cavallone. I lavori prevedono l’ammodernamento della stazione motrice e di ancoraggio, degli impianti elettrici, della linea in generale e della stazione di rinvio.

“La scelta di destinare questo finanziamento all’impianto – spiega l’assessore al bilancio Silvio Paolucci – è frutto di un lungo lavoro condotto in collaborazione con il Comune e con il Ministero dei trasporti. I fondi serviranno a rendere pienamente funzionale e funzionante la cestovia, garantendo la piena fruibilità delle Grotte e dell’area circostante. Questa amministrazione regionale crede nelle potenzialità turistiche dei nostri territori e questo è uno dei tasselli di quel programma ampio e condiviso che stiamo portando avanti”. 

Entrò in funzione quasi 40 anni fa

La cestovia biposto “Cavallone-Colle Rotondo” entrò in funzione nel 1978 ed è una delle ultime 40 ancora attive in Europa: la stazione di partenza si trova a 763 metri di altitudine, quella di arrivo a 1388. Permette di raggiungere l’ingresso delle Grotte del Cavallone (che distano altri 10 minuti di cammino a piedi) dopo un suggestivo viaggio della durata di una ventina di minuti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Allarme invasione cimici: i rimedi per eliminarle da casa

  • Condannati i rapinatori dei coniugi Martelli: devono scontare dagli 8 ai 15 anni

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

  • Bimbi più vicino a mamma e papà: alla Walter Tosto apre l’asilo nido aziendale

Torna su
ChietiToday è in caricamento