Ex Burgo, da lunedì scatta la mobilità: i lavoratori presidiano la fabbrica

Scatta la mobilità per i 133 lavoratori della ex cartiera e le loro relative famiglie. Non è stato raggiunto nessun accordo tra azienda e sindacati, gli operai non verranno ricollocati

Una conclusione drammatica per i 133 lavoratori della Burgo, cartiera storica dello scalo, chiusa nel 2008 e poi demolita. Non c'è alcuna prospettiva di ricollocazione per gli operai. Così si è concluso l'incontro di ieri (2 dicembre) alla Provincia di Chieti, attorniata da pattuglie dei carabinieri e dalla tensione che si tagliava a fette. 

L'azienda, che ha inviato il direttore dimissionario Gaetano Grima all'incontro presieduto dall'assessore provinciale al Lavoro Daniele D'Amario, non ha dato spazio alla trattativa: nessuna proroga alla cassa integrazione, né incentivi alla mobilità, solo 1000 euro una tantum ad ogni lavoratore. Un contentino per Rsu e sindacati che si sono rifiutati di firmare l'accordo.

E adesso monta la protesta degli operai, in presidio permanente in via Piaggio, in quell'area dove un tempo si produceva carta di qualità, nell'azienda che oggi li ha traditi.

 

 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Chieti usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

  • Sequestro dei macchinari dopo l'incidente mortale sul lavoro, blocco forzato alla Sevel

Torna su
ChietiToday è in caricamento