Concorsi Asl: il personale delle province escluso

La denuncia del coordinamento regionale delle Rsu provinciali sullo stato di incertezza per il futuro lavorativo dei circa 1.400 dipendenti delle Province abruzzesi

Il coordinamento regionale delle quattro Rsu provinciali denuncia lo stato di incertezza per il futuro lavorativo dei circa 1.400 dipendenti delle quattro Province abruzzesi, in attesa che la Regione approvi la legge  che prevede il riordino delle competenze delle Province.

“Ad oggi - fanno sapere le Rsu - pochissimi dipendenti provinciali hanno trovato ricollocazione negli altri Enti, tra leggi, circolari esplicative e innovative delle leggi, circolari interpretative delle circolari, provvedimenti e interpretazioni di organismi vari. Mentre si rincorrono voci di assorbimento nell’amministrazione della Giustizia (l’ultimo concorso del Ministero della Giustizia non era riservato ai dipendenti delle Province), o addirittura nella Pubblica Istruzione, come personale Ata (le modalità di assunzione, ad oggi però sono ignote), la Regione Abruzzo ci mette del suo escludendo i dipendenti provinciali dalle assunzioni nelle Asl pubblicando bandi di concorsi per centralinisti, magazzinieri, collaboratori amministrativi, tutti posti compatibili con le figure professionali presenti nelle Province”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ritardo nella soluzione del “problema” Province viene giustificato dalla mancanza di copertura finanziaria. “Lottiamo per una ricollocazione dei dipendenti provinciali a tutti i livelli istituzionali -  dichiara Francesca Rasetta, portavoce del coordinamento delle quattro RSU delle Province abruzzesi – che  rispetti le leggi vigenti, tuteli la professionalità e l’esperienza amministrativa e tecnica acquisite negli anni,  nonché la dignità di lavoratori della Pubblica Amministrazione. Purtroppo i comuni abruzzesi esitano a pubblicare i bandi di mobilità riservati ai dipendenti provinciali. Ad oggi,  anche la proposta di legge regionale di riordino riguarda solo una minima parte dei dipendenti (120 circa tra UMA, Genio Civile e Formazione Professionale). Quando saranno ricollocati i dipendenti delle altre funzioni non più di competenza delle Province? Cosa ne sarà del futuro della Polizia Provinciale e dei Centri per l’Impiego? Si prospetta un autunno caldo”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso in casa, muore a 39 anni tecnico informatico

  • Schianto mortale lungo la Tiburtina: motociclista di Chieti perde la vita

  • Dolore e sgomento per la morte di Ottavio De Fazio, il motociclista caduto durante un'uscita

  • In Abruzzo arrivano i Condhotel, stanze d'albergo vendute ai privati

  • L'Abruzzo scelto per la sperimentazione dell'app Immuni con Liguria e Puglia, si parte a giugno

  • Smantellata la rete che riforniva di droga la provincia di Chieti: arrestate 13 persone

Torna su
ChietiToday è in caricamento