Codacons su aumento prezzi: “in Abruzzo inflazione più alta d’Italia”

A luglio prezzi crescono dello 0,9% contro una media nazionale del +0,4%. Per le famiglie abruzzesi un aggravio di spesa di 247 euro annui

"L’Abruzzo è la regione d’Italia dove i prezzi sono cresciuti di più nel mese di luglio". Lo afferma il Codacons, riportando i dati sull’inflazione diffusi ieri dall’Istat.

"In base ai numeri definitivi dell’istituto di statistica, l’Abruzzo conquista il primo posto della classifica delle regioni dove i prezzi corrono di più – spiega il Codacons – con un tasso di inflazione al +0,9% (seguita da Puglia +0,8% e Liguria +0,7%) l’Abruzzo registra a luglio l’aumento più corposo dei prezzi al dettaglio, più del doppio della media nazionale pari al +0,4%".

Numeri che hanno conseguenze dirette sulle tasche delle famiglie residenti: considerati i numeri ufficiali dell’Istat sulla spesa per consumi a livello regionale, l’inflazione al +0,9% comporta un aggravio di spesa pari a +247 euro annui per la famiglia “tipo” abruzzese, contro i +123 euro annui a famiglia della media nazionale.

Di contro le Marche sono la regione dove i prezzi scendono di più (-0,1%) determinando un risparmio annuo pari a 28 euro a famiglia residente.

Potrebbe interessarti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ragno violino: cosa fare in caso di attacco

  • Roccamontepiano, la festa di San Rocco: tra culto e tradizione

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • Oggi l'ultimo saluto ad Alessandro e Federico, i fratellini annegati a Ferragosto

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

  • Incidente di un'acrobata durante il Macondo festival, pubblico con il fiato sospeso

Torna su
ChietiToday è in caricamento