Chieti è la provincia abruzzese in cui si vive meglio: la classifica del Sole 24 Ore

Terzo posto su 107 province per le esportazioni sul Pil, bene i laureati e la sicurezza. Va peggio per il tenore di vita e per le pensioni: 81esima posizione. Grande insoddisfazione sui servizi, ma i dati reali dicono il contrario

Chieti

È Chieti la provincia abruzzese in cui si vive meglio, la 64esima in Italia. Lo dice la 22esima classifica del Sole 24 ore sulla qualità della vita nel territorio, che ha fatto risalire undici posizioni all’area teatina. Sul secondo gradino si piazza Teramo, 69esima nella classifica nazionale, cresciuta di 4 posizioni; seguono L’Aquila, che è 70esima con 8 posizioni in meno rispetto all’anno scorso, e Pescara, 73esima, che guadagna sei posti. 

A livello nazionale la provincia di Bologna balza dall’ottavo gradino scippando il primato a Bolzano, mentre Foggia scivola dal penultimo all’ultimo posto, dove nel 2010 si era classificata la provincia di Napoli.
L’indagine pubblicata sull’edizione di oggi (5 dicembre) del quotidiano economico mette a confronto la vivibilità delle 107 province italiane concentrandosi su sei aree: tenore di vita, affari e lavoro, servizi/ambiente/salute, popolazione, ordine pubblico e tempo libero.
 
Stando ai dati della classifica, sembra che la provincia di Chieti regga bene i colpi della crisi. Il 43,6 per cento dei cittadini pensa che esista un'emergenza occupazionale (58esimo posto), eppure i dati sono confortanti. Terzo posto fra le 107 province italiane nel settore affari e lavoro per le esportazioni sul Pil, undicesimo per il numero di laureati ogni mille abitanti (dato del 2010), 17esimo per le imprese registrate ogni mille cittadini nel 2011, 36esimo per la propensione a investire. Ma non va benissimo per donne e giovani: solo il 28,98 per cento della popolazione femminile ha un'occupazione (posto 74), mentre poco più della metà dei ragazzi lavora, il 63,83 per cento (69).
 
C'è insoddisfazione per quanto riguarda i servizi, l'assistenza, l'ambiente e l'inquinamento: la provincia di Chieti è 93esima, peggio solo dell'Aquila, sul centesimo gradino Eppure i dati reali non vanno più in basso del 70esimo posto. Nonostante un certo malcontento, i cittadini pensano che la qualità della vita rispetto a pochi anni fa sia migliorata: la Provincia raggiunge il 38esimo posto. Buone le infrastrutture (53esimo posto), alta la qualità degli asilli comunali per i piccoli fino ai 3 anni (50) e piacevole il clima (56). Non se la passa bene la sanità provinciale, che non riesce a superare la posizione 86.
 
Non del tutto positivi i dati generali sulla sicurezza: il chietino è al 66esimo posto, dopo L’Aquila (39) e Teramo (56). Ma conquista il 90esimo posto per estorsioni ogni mille abitanti e il 93esimo per i delitti. Eppure la percezione dei cittadini è soddisfacente: solo l'1,5 per cento degli abitanti della provincia di Chieti si sente in pericolo, al punto che l'area raggiunge il secondo posto, alle spalle di Belluno.
 
Non va benissimo la classificazione del tenore di vita, ferma al 76esimo posto: il costo della vita raggiunge il 22esimo gradino. I dati si riflettono sulla propensione al risparmio, che non supera il 92esimo gradino, e sui consumi privati, dove la provincia di Chieti raggiunge l'80esimo posto.
 
Dati incoraggianti sui nuovi nati, area in cui la provincia raggiunge il 58esimo posto, dopo Pescara (40) e Teramo (55). Va meglio per la disponibilità di asili, settore in cui Chieti, 51esima, è seconda solo al teramano (44).
Male per l’importo delle pensioni, 81esima posizione su 107 province, e Pil pro capite, al 71esimo posto. Per quanto riguarda il tempo libero la provincia teatina supera di poco metà classifica, fermandosi al 49esimo gradino. Eppure l'insoddisfazione dei cittadini è notevole, regalando al territorio il 92esimo gradino.
 
Colpisce il dato delle coppie in crisi: 44 famiglie su 10mila si sfasciano a causa di un divorzio o di una separazione, un primato che regala alla provincia il 32esimo posto. Bassa la presenza di stranieri, solo il 4, 91 per cento della popolazione (70esimo posto). Dal 2002 sono diminuiti i residenti giovani: un calo del 3,5 per cento, che non fa superare la 70esima posizione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Accoltellata nel cortile di casa a Francavilla: non ce l'ha fatta Aliona Oleinic

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

  • Pensionato a spasso col cane trova un chilo e mezzo di eroina nel parco

  • Spacciava cocaina vicino alla stazione: 38enne arrestato allo Scalo

  • Centro diurno Il nodo cerca personale OSS

Torna su
ChietiToday è in caricamento