Sevel: Ducato scende di 3000 unità, parte la Cigo ma prima permessi e ferie

In assemblea l'azienda ha confermato che prima di ricorrere alla cassa integrazione ordinaria si utilizzeranno ferie e Par 2012. La Fiom contraria: "Così il calo produttivo lo pagano solo i lavoratori"

Ducato in calo alla Sevel

Il calo del mercato del Ducato in Sevel è di circa 3000 vetture, l'Azienda, durante l'assemblea sindacale con la Fiom Cgil ha confermato per il 2012 il raggiungimento di circa 206.000 veicoli da produrre con possibilità concreta di una chiusura per le festività di fine anno, cosa che verrà definita entro la fine di ottobre.

La Sevel ha anche deciso che prima di ricorrere alla cassa integrazione ordinaria si utilizzeranno per tutti le ferie e i permessi annuali retribuiti 2012 (17 giorni di ferie e 9 di Par, anche per quei lavoratori che per esigenze aziendali hanno lavorato durante le ferie estive), esigenza che incontra il parere contrario della Fiom.

"Abbiamo chiesto di utilizzare l’integrazione salariale della Cigo per tutti al fine di preservare ferie e Par per la parte di fruizione individuale da parte delle maestranze Sevel - spiega il segretario provinciale Marco Di Rocco - Durante il periodo di cassa ai lavoratori non sarà pagata la festività del 1° novembre, festività pagata dall’INPS come se fosse un giorno di cassa integrazione In questo modo il calo produttivo lo pagano per intero i lavoratori Sevel, mentre l'Azienda scarica sull'Inps tutti i costi relativi al pagamenti di 6.200 giornate di festività".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Rsa ha intenzione di convocare un'assemblea, dal momento che sono state utilizzate solo 2 ore delle 10 previste, per decidere assieme ai lavoratori le iniziative da intraprendere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • È scomparso ad Arielli il "poeta agricoltore" Tommaso Stella

  • Esce ubriaco nonostante il divieto e si schianta contro una centralina dell'Enel: arrestato

  • Coronavirus, morte altre 13 persone: ci sono anche due teatini e due uomini della provincia

Torna su
ChietiToday è in caricamento