La Bond Factory di Chieti Scalo destina un'area alla produzione permanente di mascherine

Prosegue la produzione di dispositivi di protezione individuale made in Abruzzo

L’emergenza sta lentamente rientrando, ma i servizi territoriali impegnati in prima linea necessitano ancora di dispositivi di protezione idonei a garantire la sicurezza del personale in servizio. Per questo motivo Bond Factory ha deciso di continuare a supportare attivamente gli ospedali abruzzesi devolvendo disposti di protezione individuali certificati made in Abruzzo per l’Abruzzo.

L’azienda di Chieti scalo, che da oltre trent’anni offre servizi innovativi per la moda, l’arte e il design, data la situazione emergenziale ha destinato in modo permanente un’area dello stabilimento alla produzione di dpi certificati, denominata BFxMED, che è formalmente attiva dal 18 aprile 2020. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Oltre a essere verificati dagli istituti competenti, i dispositivi di protezione realizzati sono caratterizzati da elevata qualità e innovazione – sottolinea l’azienda in una nota -  altamente protettivi e personalizzabili. Le materie prime impiegate provengono da fornitori italiani e la realizzazione degli stessi avviene in Italia presso lo stabilimento abruzzese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dolore e sgomento per la morte di Ottavio De Fazio, il motociclista caduto durante un'uscita

  • Impiegata positiva al Covid-19, chiude ufficio postale di Francavilla al Mare

  • I benefici del fitwalking, la camminata veloce che fa perdere peso

  • Schianto mortale lungo la Tiburtina: motociclista di Chieti perde la vita

  • Stash diventa papà: la fidanzata è una ragazza abruzzese, si chiama Giulia Belmonte

  • Ex carabiniere ucciso con tre colpi di pistola: caccia all'assassino e al complice che l'ha aiutato a fuggire

Torna su
ChietiToday è in caricamento