"Autolinee Cerella, fra richieste e gratuita arroganza"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Al contrario di quanto dichiarato dal presidente di TUA, Gianfranco Giuliante, durante il consiglio comunale di Vasto del 15 novembre 2019, a noi la società Autolinee Cerella srl “ci appassiona” sempre di più. Inoltre la Ugl è una forte sostenitrice di “Cerella” ed è pronta a discutere sui tavoli opportuni soluzioni semplici, pratiche e, se la politica regionale vuole, molto efficaci e risolutive. Per esempio, perché non dare a Cerella un contributo chilometrico di 1,80 €, quando ora ne prende solo 1,60?

In fondo anche TUA, che possiede l’80% delle quote di Cerella, sta pubblicando da mesi bandi per sub concessioni a 1,80 €/Km per tutte le residenze a domanda debole, …e non solo debole. Con un contributo chilometrico di 20 cent. in più, la società Cerella avrebbe modo di vivere in tutta serenità e con le proprie forze, garantendo continuità e serenità a tutto il personale.

Nel caso non fosse possibile, e la Regione dovrebbe poi spiegarci il perché, siamo assolutamente fermi sostenitori di un assorbimento in TUA che, coinvolgendo la Regione e con un minimo sforzo, liquiderebbe il 20% dei privati e si assicurerebbe anche il territorio del basso Sangro, diventando sempre più la Società Unica di Trasporto Abruzzese.

Certo, il presidente di TUA Giuliante dovrebbe farsene una ragione, visto la sua nota contrarietà nell’assorbire Cerella, magari giustificandosi con una delle sue ormai proverbiali e terrificanti dichiarazioni alla stampa e ai sindaci, che certo non aiutano né Cerella e né TUA. Durante il consiglio comunale di Vasto il segretario provinciale Chieti, Fabrizio Mancini, nel suo intervento fece tre domande, una ciascuna all’amministratore unico di Cerella Silvestri, al presidente di TUA Giuliante e al delegato Regionale Marcovecchio. In ordine, chiedeva sulla società Autolinee Cerella la reale situazione economica, la possibilità di TUA di assorbire l’azienda e la volontà Regionale riguardo al contributo chilometrico e al risanamento dei debiti. Nessuna risposta. Evidentemente è un argomento che non appassiona proprio nessuno, tranne noi.

Detto questo, bisogna anche chiedersi sulla gestione di Cerella passata e presente, dove il direttore d'esercizio, oggi anche amministratore unico, continua ad avere un gestione degli operatori d’esercizio non proprio omogenea, come poco omogenea è lo spostamento di alcuni capolinea e la rivisitazione dei turni nelle residenze verso cui la UGL propone, durante gli incontri sindacali, delle soluzioni a risparmio economico piuttosto che delle soluzioni sulla sicurezza, ma puntualmente ignorate e rigettate al mittente nonostante le proposte sono state concordate sui verbali d’incontro.

Purtroppo questa sfrontatezza è una consuetudine, visto anche le due procedure di raffreddamento aperte durante il 2019, con altrettanti incontri avvenuti davanti il Prefetto di Chieti, riguardo la mancata installazione dei rilevatore di presenza ad uso di tutto il personale a terra soggetto a timbratura (impiegati, officina, magazzino, ecc) e la percorrenza Vasto-Napoli effettuata ad inizio anno e mai applicata, visto i quasi 40 minuti in più di viaggio verificati sia all’andata che al ritorno pur cambiando tragitto. Un muro contro muro sterile e inutile da parte dell’azienda, che è brava a lamentarsi ma pronta ad accogliere fra le loro braccia tutti coloro che la assecondano nelle loro malefatte. LA UGL non asseconderà mai nessuno, vedi anche il contratto di secondo livello di TUA non firmato, ma chiede e vuole parità di trattamento e non tollererà mai nessuna arroganza e mal gestione del denaro pubblico. Purtroppo “le” società partecipate di TUA sanno bene come spendere ma poco come amministrare. Finchè paga Pantalone…

Il Segretario Regionale UGL FNA Giuseppe Lupo Il Segretario Provinciale Chieti UGL FNA Fabrizio Mancini

Torna su
ChietiToday è in caricamento