Via Verde: acquistate le aree di risulta, a ottobre il bando

Quasi 3 milioni per prendere possesso delle zone dismesse, la pista ciclabile di 40 chilometri sulla costa sarà pronta entro il 2016. Il progetto è finanziato con 15 milioni di fondi Fas e 2 milioni e 200mila euro del Comune di Vasto

Acquistate le aree di risulta ferroviarie dismesse, il bando di gara per la realizzazione della Via Verde della costa dei Trabocchi dovrebbe essere pronto per il mese di ottobre. Entro il 2016, dunque, abruzzesi e turisti potranno usufruire della pista ciclopedonale sul litorale chietino.

L’annuncio questa mattina (martedì 12 agosto) in conferenza stampa dal presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio con i sindaci di alcuni dei Comuni interessati dal progetto (Ortona, Rocca San Giovanni e Fossacesia).

La procedura di acquisto si è conclusa dopo lunghe trattative con Ferrovie dello Stato, grazie al quale l’importo è sceso dai 7 milioni e mezzo dal 2011 ai 2 milioni e 945mila effettivamente spesi. Oggi la Provincia ha preso possesso delle aree di risulta e insieme alle Ferrovie sta mettendo a punto la rivisitazione del contratto di comodato d’uso degli edifici e delle aree adiacenti a favore dei Comuni della Costa. I lavori dovrebbero durare un anno e mezzo: nel 2016 la Via Verde dovrebbe finalmente diventare realtà.

La Via Verde interesserà un’area da 1milione e 300mila metri quadrati su un tracciato di 40 chilometri largo 4 metri e mezzo. I punti di accesso principali sono 12, ci saranno 25 chilometri di nuovi accessi al mare, con la messa in sicurezza di 9 gallerie e ponti.

Il progetto è finanziato da 15milioni e 200mila euro di fondi Fas assegnati alla Provincia, 2 milioni e 200mila euro messi a disposizione dal Comune di Vasto, di cui 2 milioni assegnati dal ministero dello Sviluppo economico e provenienti dalla rimodulazione di risorse economiche destinate al Patto Trigno-Sinello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sant'Anna piange Pierluigi Orsini, oggi i funerali

  • Ferito da un colpo di fucile durante una battuta di caccia al cinghiale: è grave

  • Poste Italiane assume portalettere anche a Chieti e provincia

  • Luisa, colpita ripetutamente e uccisa mentre scappava dal marito

  • Lanciano in lutto per la scomparsa del dottor Brasile, morto durante l'escursione sulla Majella

  • Era originario di Lanciano uno dei due escursionisti morti sulla Majella

Torna su
ChietiToday è in caricamento