Vendeva online telefoni e auto inesistenti, poi spariva: arrestato

Il tribunale di Chieti ha emesso un ordine di carcerazione per le truffe messe in atto nel 2015 da un 55enne veneziano

Nella sua rete truffaldina erano finite tante vittime di diverse città italiane. Lo scorso fine settimana i carabinieri lo hanno rintracciato nel suo appartamento, a Mira, e arrestato. In manette è finito M.G., veneziano di 55 anni

Nei suoi confronti iL tribunale di Chieti aveva emesso un ordine di carcerazione per svariate truffe online messe in atto nel 2015.

L'uomo più volte aveva messo in vendita su siti quali subito.it o autoscout24.it telefonini o auto inesistenti, a prezzi stracciati, per poi riscuotere dagli ignari acquirenti le somme di denaro richieste attraverso carte prepagate. Solo allora M.G. faceva perdere le sue tracce, quando la merce non arrivava mai a casa e il truffatore non era più rintracciabile, poichè era solito far sparire ogni riferimento a lui riconducibile, mentre progettava la successiva truffa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo dovrà scontare ora una pena di 2 anni e pagare una multa di 900 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo caso positivo al Covid 19: è un paziente in ospedale a Chieti, domiciliato a San Salvo

  • Bimbo di 3 anni investito mentre attraversa la strada con la mamma: panico a Chieti Scalo

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • È morto l'assessore Antonio Viola

  • Lite tra condomini a Chieti finisce a colpi di forbici: denunciati in due

  • Coronavirus: tre nuovi casi positivi, due in provincia di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento