Paga la moto con un assegno falso, denunciato 28enne di San Severo

E' successo a Casacanditella. La vittima aveva venduto per 5.800 euro una "Yamaha T-Max" ma era stata pagata con un assegno falso. La moto è stata recuperata ad Apricena, in Puglia

Ha venduto la sua moto a uno sconosciuto che lo ha pagato con un assegno falso. Quando lo ha scoperto, la vittima ha segnalato il fattaccio ai carabinieri che in pochi giorni hanno rintracciato il truffatore. Si tratta di un pregiudicato 28enne di San Severo, che è stato denunciato con l’accusa di truffa in concorso.

L'uomo aveva acquistato la “Yamaha T – Max” messa in vendita su internet dal 26enne di Casacanditella con un assegno da 5.800 euro falso. I due si erano incontrati per ultimare la vendita. I problemi sono sorti quando la vittima ha provato ad incassare l’assegno scoprendo di essere stato truffato. Inutili i tentativi di rintracciare l’acquirente. Ci hanno pensato poi i carabinieri del posto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La moto invece è stata recuperata ad Apricena (FG) e posta sotto sequestro, in attesa di essere restituita al legittimo proprietario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dolore e sgomento per la morte di Ottavio De Fazio, il motociclista caduto durante un'uscita

  • Impiegata positiva al Covid-19, chiude ufficio postale di Francavilla al Mare

  • Schianto mortale lungo la Tiburtina: motociclista di Chieti perde la vita

  • I benefici del fitwalking, la camminata veloce che fa perdere peso

  • SpaceX sui cieli di Chieti: emozione per il lancio della navicella nello spazio

  • Ex carabiniere ucciso con tre colpi di pistola: caccia all'assassino e al complice che l'ha aiutato a fuggire

Torna su
ChietiToday è in caricamento