Trovato morto in casa in pieno centro città, lo ha ucciso un malore

A dare l'allarme i vicini, che avevano avvertito cattivo odore: l'infermiere in pensione era morto da qualche giorno nell'abitazione vicino alla chiesa di Sant'Agostino

Dramma ieri pomeriggio in pieno centro città, in via dei Crociferi, nei pressi della chiesa di Sant'Agostino. Emanuele Fiore, 66 anni, infermiere in pensione, è stato trovato morto nell'appartamento in cui viveva da solo, verosimilmente per un malore che lo aveva ucciso già da qualche giorno.

L'allarme è scattato dopo che i vicini di casa hanno iniziato a sentire un odore sgradevole, amplificato dalle alte temperature di questi giorni. Così, sono stati allertati i vigili del fuoco di Chieti, che hanno aperto la porta, oltre al 118, gli agenti della squadra volante e la polizia scientifica. 

Ma, quando finalmente l'abitazione è stata aperta, si è scoperto che per Fiore non c'era più nulla da fare ormai da giorni. L'uomo aveva alcuni problemi di salute ed è probabile che questi abbiano causato il malore fatale. 

La salma è stata restituita alla famiglia per organizzare il funerale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • Coronavirus, l'ordinanza della Regione Abruzzo: chi torna da zone a rischio deve comunicarlo al medico

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus, primo caso in Abruzzo: paziente positivo al primo test ricoverato a Teramo

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

Torna su
ChietiToday è in caricamento