Scuole al freddo, assessore Di Biase: "Caldaie spente dai bidelli, non è colpa del Comune"

Nei plessi scolastici di via Masci e via Lanciano questa mattina i bimbi erano al gelo. L'assessore alla pubblica Istruzione spiega i motivi

Dopo la segnalazione sulla situazione di gelo all’interno della scuola dell’infanzia di Madonna del Freddo che ha costretto i genitori a riportare i propri figli a casa, è arrivata la nota dell’assessore alla pubblica Istruzione, Carla Di Biase che ha precisato: “era stato chiesto di spegnere gli impianti di riscaldamento durante le festività natalizie per poi riaccenderli tra il 4 e il gennaio. In effetti delle 28 scuole cittadine, in 26 le caldaie sono state riaccese per tempo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono due le scuole che questa mattina hanno “accolto” i bambini al freddo: “i bidelli delle scuole di Madonna del Freddo e via Lanciano, inavvertitamente, hanno spento l’interruttore e per questo gli impianti non sono stati attivati. Ci scusiamo per il disagio ma l’errore non è da imputare al Comune”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la mappa dei casi positivi per Comune in Abruzzo

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

  • Coronavirus: 58 nuovi casi in Abruzzo, 21 in meno rispetto a ieri

  • Scontro auto-tir in via Aterno, 40enne in gravi condizioni

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

Torna su
ChietiToday è in caricamento