Scuole al freddo, assessore Di Biase: "Caldaie spente dai bidelli, non è colpa del Comune"

Nei plessi scolastici di via Masci e via Lanciano questa mattina i bimbi erano al gelo. L'assessore alla pubblica Istruzione spiega i motivi

Dopo la segnalazione sulla situazione di gelo all’interno della scuola dell’infanzia di Madonna del Freddo che ha costretto i genitori a riportare i propri figli a casa, è arrivata la nota dell’assessore alla pubblica Istruzione, Carla Di Biase che ha precisato: “era stato chiesto di spegnere gli impianti di riscaldamento durante le festività natalizie per poi riaccenderli tra il 4 e il gennaio. In effetti delle 28 scuole cittadine, in 26 le caldaie sono state riaccese per tempo”.

Sono due le scuole che questa mattina hanno “accolto” i bambini al freddo: “i bidelli delle scuole di Madonna del Freddo e via Lanciano, inavvertitamente, hanno spento l’interruttore e per questo gli impianti non sono stati attivati. Ci scusiamo per il disagio ma l’errore non è da imputare al Comune”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore investita dall'auto con la figlia minorenne a bordo: la vittima era di Chieti

  • C'è crisi ma non si trovano i lavoratori da assumere: a Chieti e provincia mancano venditori, camerieri e camionisti

  • Morto l'uomo caduto all’interno della scala mobile di Chieti

  • Da Francavilla ad "Avanti un altro", Al Di Berardino conquista Bonolis: "Per me ha già vinto!"

  • In auto con due chili di cocaina pura: arrestato dopo inseguimento da Chieti Scalo a Vasto

  • Da innamorato a stalker dopo che lei sposa un altro, "Siamo in due a non vivere più": arrestato

Torna su
ChietiToday è in caricamento