Teatino di 70 anni rapinato e picchiato al Terminal di Pescara: polizia arresta il responsabile

Al malcapitato sono stati portati via 400 euro e le chiavi dell'automobile. L'aggressore ha anche colpito di agenti, ma è stato poi arrestato

Ai poliziotti intervenuti al Terminal degli autobus di Pescara si è presentato con la camicia strappata e lesioni al petto e alle braccia. Il malcapitato, un 70enne originario di Chieti, aveva da poco subìto una rapina da parte di A.A., 28enne nigeriano, arrestato poco dopo.

I fatti ieri pomeriggio quando l'arrestato ha prima aggredito, picchiato e rapinato l'anziano di 400 euro e delle chiavi della sua auto. Poi, una volta avvicinato dal personale della Squadra Volante della Questura di Pescara, ha aggredito anche un agente.

Quando gli agenti sono arrivati sul posto infatti, alcune persone che erano lì presenti hanno indicato l'aggressore - che nel frattempo si era allontanato verso il bar del Terminal -  e lo hanno inseguito e bloccato, non senza difficoltà.

Il 28enne è stato quindi arrestato con l'accusa di rapina, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Quest'oggi il gip ha convalidato l'arresto, imponendogli la misura cautelARe dell'obbligo di firma.

Potrebbe interessarti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ragno violino: cosa fare in caso di attacco

  • Roccamontepiano, la festa di San Rocco: tra culto e tradizione

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • Oggi l'ultimo saluto ad Alessandro e Federico, i fratellini annegati a Ferragosto

  • È morta Nadia Toffa, amica di Chieti e dell'Abruzzo

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

Torna su
ChietiToday è in caricamento