Teateservizi: il Comune dispone l'assunzione dei precari, ma scatta la protesta

Le nuove assunzioni, cosi come le conversioni, dovranno essere precedute dall’approvazione del “piano di assunzione del personale”, che oggi manca. E venerdì ci sarà un presidio

Il direttore generale Barbone

Si è finalmente riunita l'assemblea dei soci di Teateservizi, convocata in particolare per discutere della conversione dei contratti da tempo determinato a indeterminato per i lavoratori del settore Entrate. Il sindaco Umberto Di Primio (il Comune è socio unico della società) ha ribadito la volontà dell'ente di contrattualizzare il personale, ribadendo quanto già scritto lo scorso 16 giugno all'amministratore unico e al direttore generale 

che nulla osta affinché si proceda a dotare la società di personale con contratto a tempo indeterminato. È di competenza dell’amministratore unico e del direttore individuare le procedure ritenute più giuste e rispondenti al dettato normativo per giungere a tale risultato.

Il sindaco, dando mandato pieno al management di adottare ogni atto utile per le contrattualizzazioni, al fine di tutelare a pieno la società e le aspettative degli interessati, ha rimarcato la necessità di tener conto delle questioni sollevate dal Collegio Sindacale, di quanto scritto dal Collegio dei Revisori dei Conti del Comune e delle considerazioni dell’Unità di Controllo Analogo. 

Le nuove assunzioni, cosi come le conversioni, dovranno essere precedute dall’approvazione del “piano di assunzione del personale”, che ad oggi Teateservizi non ha ancora sottoposto al vaglio del socio unico.

L’amministratore unico, in accordo con il direttore generale, preso atto delle considerazioni del socio, nonché delle questioni preliminari sollevate dal collegio, ha dichiarato che procederà come indicato dal sindaco in merito alla conversione dei contratti non prima di aver fornito al collegio gli atti necessari per le valutazioni di competenza ed aver dato risposta alle questioni evidenziate negli atti dell’Unità di Controllo Analogo.

Intanto, i sindacati si preparano alla protesta. Dopo l'incontro con i lavoratori, è stato deciso di organizzare un presidio davanti alla sede del Comune per venerdì, dalle ore 11.30. La protesta, indetta da Cisl Fp, Confsal Fenal e Cgil Fp è stata stabilita perché continua a persistere una situazione di incertezza non solo sul pagamento degli stipendi, ma anche sull'assunzione dei 16 vincitori di concorso e sull'avviso pubblico per quelli a tempo determinato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

  • Il teatro piange Maria Grazia Montante, regina della compagnia I Marrucini

Torna su
ChietiToday è in caricamento