Studenti in visita nelle cantine alla scoperta dei vini d’Abruzzo

Sono 110 i ragazzi degli istituti agrari impegnati nell'attività di formazione organizzata del Consorzio di tutela

Il racconto del vino a partire dall’esperienza in vigna e nelle cantine, ascoltando la voce e le esperienze di esperti del settore che hanno tenuto veri e propri seminari su aspetti chiave del mondo vitivinicolo. Frequentano le ultime classi degli Istituti Agrari di Scerni ed Alanno gli oltre 100 ragazzi coinvolti nelle giornate formative promosse dal Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo all’interno delle cantine Eredi Legonziano di Lanciano e il Feuduccio di Orsogna.

Lezioni su agronomia, enologia e marketing quelle a cui hanno assistito gli studenti degli istituti agrari delle province di Chieti e Pescara. A conclusione del progetto formativo che li ha visti impegnati fuori dalle aule.

Accanto alle passeggiate in vigna e alla visita delle cantine, gli studenti abruzzesi hanno avuto la possibilità di studiare sul campo il mondo vitivinicolo attraverso gli insegnamenti di tre esperti del settore Vincenzo Aquilano, Romano D’Amario e Giuseppe Colantonio.

“Con questo progetto ha spiegato il presidente del Consorzio Valentino Di Campli - abbiamo dato la possibilità  di approfondire la conoscenza del vino alle nuove leve grazie alla relazione diretta con agricoltori, agronomi, enologi e responsabili della promozione. Ringrazio dirigenti scolastici, docenti accompagnatori e soprattutto gli studenti che hanno mostrato attenzione, entusiasmo e curiosità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bere tanta acqua fa davvero bene? Tutti gli effetti benefici da conoscere

  • Il trattore si ribalta e lo travolge: muore un agricoltore di 53 anni

  • Scende dal mezzo in panne e viene investita da un'auto: morta una giovane

  • Ragazzo scompare da Orsogna, l’appello dei familiari

  • Le fiamme distruggono una carrozzeria: l'incendio è stato appiccato

  • Val di Sangro, operaio si sente male in fabbrica: muore a 44 anni Massimo Gollino

Torna su
ChietiToday è in caricamento