La nuova sede della Soprintendenza a Chieti: L'Aquila si oppone

Un decreto del ministro Dario Franceschini individua a Chieti la sede della nuova Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio ma c'è confusione sugli allegati. La Spada (Uil-Bact Chieti): "Non è uno scippo: mai stato equilibrio tra le due città"

Chieti da città depauperata ad asso piglia tutto, almeno sotto il profilo della cultura. La pensano così all’Aquila dopo aver appreso l’intenzione del Ministero dei beni culturali di accorpare la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio d’Abruzzo a quella Archeologica che ha sede proprio in centro a Chieti.

In effetti il decreto Franceschini sul completamento della riorganizzazione del Mibact, presentato pochi giorni fa al Consiglio superiore dei Beni Culturali, prevede che in tutte le regioni vengano istituite le Soprintendenze Archeologia, Belle Arti e Paesaggio tramite l’incorporazione delle due sovrintendenze (archeologica più  belle arti e paesaggio) in un’unica sede che sarebbe stata individuata a Chieti. 

"La nuova articolazione territoriale - si legge nella nota ministeriale - è stata definita tenendo conto del numero di abitanti, della consistenza del patrimonio culturale e della dimensione dei territori.  Ogni nuova Soprintendenza parlerà con voce unica ai cittadini e verrà articolata in sette aree funzionali. Al centro ci sarà una sola Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio, che garantirà il coordinamento delle soprintendenze su tutto il territorio nazionale". Le Soprintendenze unificate saranno 39.

L'AQUILA SI MOBILITA - Ma dal capoluogo di regione si levano gli scudi contro i ‘cugini teatini’ che potrebbero loro malgrado ritrovarsi nell’inedito ruolo di scippatori nel caso l’operazione andasse a buon fine. In quel caso, nel capoluogo di regione resterebbe solamente la Soprintendenza speciale unica archeologica, artistica e paesaggistica per la città dell’Aquila e i comuni del “cratere” ( e il segretariato regionale) mentre Chieti, che a Villa Frigerj ospita già il polo museale d’Abruzzo diretto da Lucia Arbace, avrebbe la sede della nuova Soprintendenza in via degli Agostiniani. 

Ci sarebbe però una discrepanza tra la copia dello schema di decreto e l’allegato: nel primo documento si parla dell’Aquila come sede della nuova Soprintendenza, nel secondo si fa riferimento a Chieti. “Qualora non ci fosse stato un errore è chiaro che combatteremo per fare in modo che questo non accada – dichiara il responsabile regionale Cisl beni culturali e ambientali Elvezio Sfarra - Sarebbe assurdo portare la nuova Soprintendenza a Chieti. È sempre stata nel capoluogo e non si può espropriare una città terremotata di tutte le sue sedi istituzionali”.

"DA CHIETI NESSUNO SCIPPO" - Di diverso avviso il segretario della Uil-Bact di Chieti, Giuseppe La Spada, che sposta l’attenzione sui dipendenti: “Quel che è grave – spiega– è che il personale subisce l’ennesima riforma ministeriale prima ancora che sia stata completata la precedente: in altre parole il personale dei beni culturali in Abruzzo non sa che fine farà rispetto agli organici che si dovranno stabilire. Se poi la vogliamo mettere sul piano campanilistico, allora diciamo pure che L’Aquila ha la sede del segretariato regionale del Minsitero, la Soprintendenza unica dell’Aquila e dei comuni del cratere (istituita fino al 31 dicembre 2019 e prorogabile) e la Soprintendenza Bella Arti e Paesaggio, mentre Chieti ha il Polo Museale e la Soprintendenza Archeologia: se la nuova Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio non si  accorpa qui – conclude -  a Chieti rimarrebbe una sola sede. Dove sarebbe lo 'scippo'?”. 
 


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di Giampaolo
    Giampaolo

    Io una soluzione l'avrei. Mettiamo la nuova Soprintendenza a Teramo che è l'unica provincia abruzzese a non avere una struttura del MIBACT

    • Avatar anonimo di Salvor Hardin
      Salvor Hardin

      Qua non si lotta per la bandierina, come al Risiko. Si cerca di sopravvivere. Teramo sopravviverà sempre e comunque perché ha ed avrà sempre la sua area di gravitazione economico-sociale esclusiva, quell'insieme di paesi e territori che per forza a Teramo deve fare riferimento, perché è l'unico grande centro esistente, per qualsiasi cosa e nell'ambito di diverse decine di chilometri, tutt'intorno.  Chieti no. E' come una stella con un "buco nero" attaccato che se la sta mangiando pezzo pezzo. Ma qui non esiste l'ineluttabilità cosmica, nulla è irreversibile, se c'è la volontà popolare e politica si può resistere. In caso contrario, a differenza di Teramo, Chieti muore. Spero che a Roma si renderanno conto di quanto ciò può costare, in termini economico finanziario per lo Stato, tanto ormai solo questo capiscono.

  • Avatar anonimo di Salvor Hardin
    Salvor Hardin

    Sfarra conbatte perché "sarebbe assurdo" che qualcosa restasse a Chieti. E già, perché tutto DEVE rimanere o essere trasferito tra L'Aquila e Pescara e gli altri devono essere solo depredati. Provincia, Banca d'Italia, tentativi per prefettura e questura, carceri, cliniche, di tutto, di più. Bravo Sfarra, lei sì che è un buon esempio di responsabile... SINDACALE REGIONALE. E' della Cisl. I teatini ricordino e comincino a curare i loro interessi nei confronti di certi rappresentanti regionali "a senso unico" cioè che portano SEMPRE da Chieti ad altrove, invece di fare ironie imbecilli. Vale lo stesso per gli imprenditori, per i politici ecc. Ora basta. E' ora che i teatini comincino a ricordare bene nomi e circostanze e boicottare chi boicotta Chieti, e premiare chi premia Chieti. Mi pare il minimo.

  • Avatar anonimo di teatino
    teatino

    Grande stupidità nel commento di Marco

    • Avatar anonimo di Marco
      Marco

      Se parlo è perchè ho potuto constatare come lavorano. Pratica a Vasto per richiesta di autorizzazione paesaggistica? Chiamo e la segreteria mi fa "sì, lei ha inviato la pratica al SUAP però noi non riusciamo a visualizzare i file tramite pc, potrebbe inviarmi il cartaceo?" E dove lo devo inviare? A vasto secondo voi? No! a L'Aquila perchè poi loro, a loro volta, la mandano a Vasto. Autorizzazione per una pala eolica? Un anno se va tutto bene. Se poi voi dite che faccio commenti stupidi ben venga, ma voglio prove concrete. Per mia esperienza non è un ufficio che lavora bene.

    • Avatar anonimo di Salvor Hardin
      Salvor Hardin

      Concordo.

  • Avatar anonimo di Marco
    Marco

    Grandi lavoratori alla soprintendenza! Immagino il sudore delle loro fronti che sgorgherà per le vie di chieti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rifornivano la droga per i festini tramite messaggio Whatsapp: arrestata una coppia, un uomo denunciato

  • Sport

    Il Chieti vince in casa del Delfino Flacco ed è solo in vetta

  • Cronaca

    Bomba inesplosa e fatta brillare: evacuate Arielli, Crecchio e Poggiofiorito

  • Cronaca

    Teatini accoltellati fuori dalla discoteca a Pescara: indaga la polizia

I più letti della settimana

  • Shock a Ortona: donna violentata in spiaggia, l'aggressore viene fermato dai carabinieri

  • Viale Gran Sasso, vuole gettarsi dal viadotto: gli agenti lo salvano

  • Scontro frontale fra due auto, bloccato il tratto fra Chieti e Ripa Teatina

  • Le migliori scuole superiori a Chieti secondo Eduscopio: Masci e Savoia in vetta

  • Botte davanti al locale e spunta anche una mazza ferrata: cinque denunciati per rissa

  • Megalò, partono in sordina le strisce blu: solo dieci pagano il parcheggio

Torna su
ChietiToday è in caricamento