Università d'Annunzio, a 26 anni scopre un virus che causa il cancro e si laurea a pieni voti

Mattia Russel Pantalone ha discusso la sua tesi da 110 e lode alla Facoltà di Medicina. La ricerca nell'ambito di un progetto dell'Airc. Il suo lavoro apre nuove possibilità di cure

Porta la firma di uno studente teatino di 26 anni l'importante ricerca, diventata tesi di laurea, riguardante la scoperta di un agente patogeno causa di un tumore del sistema nervoso periferico definito paraganglioma.

Mattia Russel Pantalone ieri ha discusso la sua tesi all'università d'Annunzio laureadosi con 110 e lode in Medicina e avendo anche l'onore di leggere il giuramento di Ippocrate. Il relatore della tesi è stato il professor Renato Mariani Costantini, componente dell’Airc. La ricerca è nata nell'ambito di un progetto dell'Associazione italiana per la ricerca sul cancro in collaborazione con l'istituto Karolinksa di Stoccolma. Ed è in Svezia che ora Mattia tornerà: lo attende un futuro da ricercatore, con la speranza di poter rientrare un giorno in Italia. 

Pantalone, che si è diplomato al liceo classico G.B. Vico, ieri era accompagnato dai genitori Maria Luisa Rulli ed Ernesto Pantalone, operaio alla Sevel, e dalla sorella Aurora Giulia, studentessa di biologia.

La sua tesi, a detta dei docenti, apre tante possibilità di prevenzione e di cura e, per il futuro, non è da escludere la possibilità di un vaccino.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in A14: muore Alessandro Berloni, manager della Fox Petroli

  • Scacco allo spaccio di droga: quattro in manette, sette indagati

  • Alcol e droga, strage di patenti: la Polstrada ne ritira 8 in una notte

  • La Nottata lancianese e la notte bianca dello Scalo: il programma del weekend

  • Operazione Tallone d'Achille: giovanissimi facevano il pieno di droga prima delle notti in discoteca

  • La dea bendata torna a baciare la ricevitoria Luciani: vinti 50 mila euro con un gratta e vinci

Torna su
ChietiToday è in caricamento