Taranta Peligna, salsicce avvelenate: muoiono i cani

Animali morti per avvelenamento, le denunce sono arrivate alla Stazione dei carabinieri di Lama dei Peligni, si indaga sul colpevole che per il feroce gesto rischia il carcere

Qualcuno li ha avvelenati offrendo loro delle salsicce. Quella pietanza gustosa solo all'apparenza si è poi rivelata fatale per un numero indefinito di cani di proprietà. A confermarlo sono state le diverse denunce alla stazione dei carabinieri di Lama dei Peligni. Salsicce e animali morti si trovano ora presso l'Istituto Zooprofilattico di Lanciano in attesa di confermare il decesso per avvelenamento e verificare quale sostanza sia stato utilizzata.

Quel che è certo è che qualcuno a Taranta Peligna ha sparso la carne avvelenata allo scopo di fare del male ai cani. Adesso il Sindaco sta provvedendo alla bonifica del paese e della zona circostante per tutelare i cani, i gatti, gli animali selvatici e anche i bambini.

“Siamo stati contattati da diversi cittadini - dichiara Marialucia Santarelli, delegata regionale dell'associazione Animalisti Italiani Onlus - preoccupati per la sicurezza dei bambini e per la morte cruenta e immediata degli animali sia randagi che di proprietà".

I carabinieri stanno dando la caccia al colpevole, che rischia il carcere. "Auspico una severa punizione - continua La Santarelli - nel rispetto della Legge 104/2004 che prevede anche il carcere quando si procurano, senza alcuna ragione, morte e sofferenza agli animali d’affezione. In questo caso è stato procurato anche allarme e preoccupazione per i bambini del Paese. L’Associazione “Animalisti Italiani Onlus ha già interessato l’ufficio legale per perseguire il colpevole e costituirsi parte civile nel Processo”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

  • Coronavirus: altri sei morti in Abruzzo, due erano della provincia di Chieti

  • Crescono i casi di Coronavirus a Caldari di Ortona, il sindaco chiede tamponi per tutti

  • Se ne è andata la professoressa Lea Curti Pancella

Torna su
ChietiToday è in caricamento