Nascondono l'iPad nel frigorifero in esposizione per rubarlo: arrestati due uomini

Colpo sventato nel negozio Mediaworld del centro commerciale Megalò: il piano infallibile è stato scoperto

Per riuscire a rubare un iPad, hanno nascosto la confezione della tavoletta elettronica in un frigorifero in esposizione, per poi tornare in un secondo momento. Per questo, due cittadini romeni sono stati arrestati per furto dalla polizia, dopo essere stati sorpresi all’uscita del negozio Mediaworld del centro commerciale Megalò di Chieti.

I due hanno passato la notte in carcere e poi sono comparsi davanti al giudice del tribunale di Chieti Chiara Di Gerio, che ha convalidato l’arresto e fissato il processo con rito abbreviato. Difesi dall’avvocato Tullio Zampacorta, saranno processati il prossimo 18 luglio. 

Secondo gli investigatori, i due uomini sono riusciti a rubare l’iPad del valore di 579 euro rompendo il dispositivo antitaccheggo e poi nascondendo la confezione nel frigorifero. 

Poco dopo, sono tornati, hanno rotto il contenitore di plexiglass e sono riusciti a portare via l’iPad. Nello stesso frigo sono stati trovati altri dispositivi antitaccheggio e contenitori rotti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Negli ultimi giorni, nei punti vendita Mediaworld di Chieti e Sambuceto sono stati sottrati Ipad per un valore complessivo di circa settemila euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la mappa dei casi positivi per Comune in Abruzzo

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

  • Coronavirus: 58 nuovi casi in Abruzzo, 21 in meno rispetto a ieri

  • Scontro auto-tir in via Aterno, 40enne in gravi condizioni

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

Torna su
ChietiToday è in caricamento