Parco Costa Teatina, domani a Roma la riunione preliminare

Poi ci sarà un passaggio alla Conferenza Stato-Regioni, cui seguirà la firma del decreto del presidente della Repubblica Sergio Mattarella."Questo appuntamento - ha detto il presidente regionale di Legambiente - vale la credibilità dell'Abruzzo"

E' fissata per domani (giovedì 10 settembre), a Roma, la riunione tecnica preliminare per la costituzione del Parco nazionale della Costa Teatina. Dopodiché ci sarà un passaggio alla Conferenza Stato-Regioni, cui seguirà la firma del decreto del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Questa mattina a a Pescara, i rappresentanti delle associazioni ambientaliste hanno parlato di giornata storica, mettendo in guardia da proposte strumentali o di rallentamento del l'iter da parte della politica abruzzese. Luciano Di Tizio, presidente regionale del Wwf ha commentato: "Finalmente dopo 15 anni siamo arrivati, almeno speriamo all'atto conclusivo per la costituzione del Parco. Ci auguriamo che anche la politica abruzzese faccia la sua parte, e il riferimento - ha precisato- è al centrosinistra che nel programma elettorale ha promesso il Parco. Se così non fosse, sarebbe una sconfitta per l'Abruzzo e una vittoria per chi ha sempre remato contro il Parco".

Luciano Di Tizio ha anche parlato del lavoro svolto dal l'ormai ex Commissario Giuseppe De Dominicis. "Ha lavorato tutto sommato bene. Avrebbe potuto anche fare di più, ma ha ceduto ad alcuni Comuni sulla perimetrazione. Importante, però, è aver presentato un progetto dopo 15 anni".

Giuseppe Di Marco, presidente regionale di Legambiente: "Non potranno esserci rallentamenti. Ora capiremo se in Abruzzo governa il centrosinistra o il centrodestra che è sempre stato contro il Parco. Quella di domani a Roma è una giornata storica per la nostra regione. Questo appuntamento vale la credibilità della Regione Abruzzo. Il Parco Nazionale della Costa Teatina è una priorità".

Mimmo Valente, presidente di Italia Nostra Abruzzo, ha sottolineato che "il Parco è una vittoria non solo per l'Abruzzo, ma per l'Italia e l'Europa. Abbiamo lottato per avere finalmente uno strumento di tutela e valorizzazione del nostro territorio e del nostro mare. Ora l'ultima parola spetta alla politica che ha una grande responsabilità".



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore investita dall'auto con la figlia minorenne a bordo: la vittima era di Chieti

  • C'è crisi ma non si trovano i lavoratori da assumere: a Chieti e provincia mancano venditori, camerieri e camionisti

  • Morto l'uomo caduto all’interno della scala mobile di Chieti

  • Da Francavilla ad "Avanti un altro", Al Di Berardino conquista Bonolis: "Per me ha già vinto!"

  • In auto con due chili di cocaina pura: arrestato dopo inseguimento da Chieti Scalo a Vasto

  • Da innamorato a stalker dopo che lei sposa un altro, "Siamo in due a non vivere più": arrestato

Torna su
ChietiToday è in caricamento