Rifugio Pomilio isolato: i gestori ripuliscono da soli la strada

Hanno imbracciato le pale e sono riusciti a ripulire la strada ricoperta dal manto nevoso, a quasi 2mila metri

La strada è bloccata e il rifugio Pomilio è isolato. Non è una stagione facile per i gestori dello storico rifugio sulla Majelletta, a 1930 metri. Complice la burocrazia e un rimpallo di responsabilità tra Prefettura, Provincia di Chieti, Regione, Ente Parco, ancora una volta la strada di accesso è rimasta impercorribile a causa del manto nevoso, isolando i gestori del rifugio.

Roberto D’Emilio e suo figlio ieri si sono rimboccati le maniche, hanno preso la pala e hanno liberato la strada provinciale da soli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è la prima volta che il rifugio resta isolato. A dicembre scorso il sindaco di Rapino, Rocco Micucci, si rivolse al prefetto e alla Forestale per far rimuovere due enormi massi, che da cinque mesi ostruivano viabilità sulla strada che conduce al rifugio.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Cosa non lavare mai in lavastoviglie, per stoviglie sempre perfette: l’elenco

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi in Abruzzo: ci sono 78 nuovi casi

  • Francavilla in lutto per la scomparsa del tabaccaio Enzo Catelli

  • È scomparso ad Arielli il "poeta agricoltore" Tommaso Stella

Torna su
ChietiToday è in caricamento