menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

No ai botti di Capodanno: resta in vigore il regolamento comunale

Vietata la vendita e l'esplosione di petardi e fuochi pirici, ad eccezione di quelli autorizzati: si rischia una sanzione amministrativa da 150 a 3mila euro. L'obiettivo, spiega l'ideatore Di Paolo, è tutelare la sicurezza di animali e bambini

Compie due anni il regolamento comunale permanente per il divieto di utilizzo di botti e petardi su tutto il territorio di Chieti. Un’occasione per tracciare il bilancio di un documento ideato dal consigliere Marco Di Paolo (Fratelli d’Italia) nella precedente legislatura, a tutela di animali e bambini, ma anche dell’incolumità degli adulti troppo spesso vittime di botti illegali.

“Il bilancio - ha spiegato Di Paolo in conferenza stampa questa mattina (lunedì 14 dicembre) - è positivo: negli ultimi due anni non ci sono stati feriti nel periodo di festa a causa dei botti. Il rumore e gli scoppi causano danni permanenti a cani e gatti, numerosissimi nelle famiglie di Chieti, considerato che circa il 35 per cento ne tiene uno in casa. Vogliamo dare un segnale alle nuove generazioni, far capire che i botti potrebbero causare problemi a bambini e animali”. 

Al momento, però, nonostante il regolamento preveda sanzioni salate, fino a 3mila euro, non ci sono state multe: “Le segnalazioni - chiarisce la comandante della polizia municipale, Donatella Di Giovanni - dovrebbero essere più circostanziate, per individuare il momento e l’area in cui avviene”. 

Ma cosa prevede il regolamento, valido per i 365 giorni dell’anno e non solo per il periodo natalizio? Su tutto il territorio comunale, è vietato far esplodere botti e petardi, ad eccezione dei fuochi pirotecnici figurativi.

La vendita dei fuochi consentiti dalla legge è permessa solo in negozi fissi e non in bancarelle itineranti. Le violazioni vengono punite con una sanzione amministrativa pecuniaria da 150 a 3mila euro. 

Già dalla prossima settimana la polizia municipale vigilerà sul rispetto del regolamento da parte dei cittadini e dei venditori.

Potrebbe interessarti

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di puffetta
    puffetta

    Esatto ogni anno la stessa storia dicono ke nn si puo sparare altrimenti si riskia la multa e poi la solita canzone. Gli animali devono avere piu tutela xk ricordatevi ke le BESTIE siamo noi esseri umani!

  • Avatar anonimo di barone nero
    barone nero

    Io non penso siate capaci di controllare e fare multe il trentuno a notte si e sempre sparato anche l anno scorso!

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Tragedia nei campi a Francavilla, muore autista di 36 anni

  • Cronaca

    L'evento virale: a Roccascalegna l'arrosticinata più grande d'Abruzzo

  • Cronaca

    Lo Stellario riuscirà a riaprire? Ecco il progetto di alcuni giovani teatini

  • Cronaca

    Sospensione idrica martedì 31 maggio

Torna su