Rapinano la macelleria con la pistola e poi vanno a prendere l'aperitivo: arrestati in flagranza

L'assalto ieri ai danni della macelleria “Di Nanno” a Vasto. Entrambi residenti a Monteodorisio, sono stati rintracciati dai carabinieri con ancora indosso gli abiti utilizzati per la rapina e sono finiti in carcere

I carabinieri della compagnia di Vasto hanno tratto in arresto in flagranza di reato gli autori della rapina consumata ieri ai danni della macelleria “Di Nanno” in via Circonvallazione Histoniense a Vasto.

Nella tarda mattinata i malviventi sono arrivati in zona a bordo di una Grande Punto. Una volta dentro la macelleria hanno minacciato l’esercente con una pistola, intimandogli la consegna del registratore di cassa. Dopo averglielo strappato dalle mani si sono dati alla fuga a piedi, per poi disfarsene lungo la strada.

Non appena ricevuto l’allarme i militari hanno raccolto le prime testimonianze e acquisito le immagini riprese di sistemi di videosorveglianza posta nelle vicinanze del negozio. Sono così riusciti a rintracciare i responsabili: G. Z., cittadino romeno classe '70, incensurato e G. P. 48enne pluripregiudicata, già arrestata in passato. Entrambi residenti a Monteodorisio, sono stati rintracciati nelle loro abitazioni mentre tentavano di distruggere importanti tracce di reato, con ancora indosso gli abiti utilizzati per la rapina. Nel corso della perquisizione personale e locale, subito estesa all’autovettura della donna, segnalata sul luogo del delitto, venivano recuperati sia la pistola tipo “scacciacani” ed il passamontagna e sia  i giubbotti e i guanti utilizzati per la rapina, nonché altro materiale d’interesse investigativo. 

Come accertato dai militari, dopo il colpo i due si sono fermati in una nota pasticceria di Vasto per consumare un aperitivo prima di rientrare in casa. 

Entrambi sono stati tratti in arresto con l'accusa di rapina aggravata in concorso e trasferiti nella casa circondariale di Chieti lei, mentre l’uomo si trova nel carcere di Vasto.

Sono al vaglio dei carabinieri tutti gli elementi acquisiti circa l’eventuale coinvolgimento dei due in altri fatti criminosi che si sono verificati a Vasto, di recente, negli ultimi mesi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • Coronavirus, l'ordinanza della Regione Abruzzo: chi torna da zone a rischio deve comunicarlo al medico

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus, primo caso in Abruzzo: paziente positivo al primo test ricoverato a Teramo

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

  • Coronavirus: sarà trasferito allo Spallanzani il primo paziente positivo in Abruzzo

Torna su
ChietiToday è in caricamento