Ragazzino morso dal suo cane: "È stata una reazione all'anestesia, è un esemplare addestrato per la ricerca di persone"

Il padrone di Nicole, il Rottweiler di 6 anni e mezzo che due giorni fa, sotto anestesia, ha aggredito il figlio dell'uomo, fa chiarezza sull'accaduto e placa l'allarmismo

Immagine d'archivio

"Il cane vive con noi da sempre e non ha mai dato segni di pazzia: è un animale docile, addestrato per la ricerca di persone, che fa i campi scuola con i bambini. Ha solo avuto una reazione all'anestesia totale a cui era stato sottoposto e non ha riconosciuto il suo padrone". 

Così, il padre del giovane di 15 anni rimasto ferito per il morso del suo cane, ricostruisce il pomeriggio di mercoledì, quando insieme al ragazzo ha portato Nicole, un esemplare di Rottweiler di 6 anni e mezzo, nello studio del veterinario di fiducia, a Paglieta. La famiglia vive ad Agnone (Isernia), ma si rivolge a quel professionista, di cui ha immensa fiducia, sin dai primi mesi di vita del cane.

Il padrone di Nicole non vuole che passi un messaggio sbagliato, di una razza aggressiva o pericolosa. Anzi, tutt'altro. "Il mio cane è conosciuto da tutto il paese, mia figlia di 17 anni lo porta a spasso senza mai alcun problema". 

Due giorni fa, il cane, come detto, era sdraiato sul lettino del veterinario, totalmente sedato. Il suo giovane padrone gli si è avvicinato e, probabilmente per un'allucinazione data dall'anestesia, l'animale non lo ha riconosciuto e lo ha morso. Un episodio imprevedibile e causato solo dai pesanti farmaci, "perché il cane - spiega il padre del ragazzino - è con noi da quando è nato e, se fosse aggressivo, il veterinario stesso avrebbe preso precauzioni".

Subito sono stati allertati i soccorsi ("ma non i carabinieri", precisa il padrone), che hanno deciso di portare il giovanissimo all'ospedale Santo Spirito di Pescara, dove è stato medicato con diversi punti di sutura al volto. Fra oggi e domani dovrebbe essere dimesso, la prognosi è di 25 giorni.

"Il nostro cane - prosegue il padrone - è addestrato per operazioni di Protezione civile, anche se non ha il brevetto perché il Rottweiler è una razza che non abbaia (requisito fondamentale per segnalare ai soccorritori, ndc), e ha già partecipato alla ricerca di persone scomparse. Non si è mai mostrato aggressivo verso persone o altri cani, con cui gioca sempre tranquillamente". 

Potrebbe interessarti

  • Doppio intervento per salvare la vita a una mamma e alla sua bimba

  • All'ospedale di Chieti apre il servizio psichiatrico di diagnosi e cura

  • La vastese Roberta Petroro sposa mister Oddo

  • Aperitivo a Chieti: 6 locali da non perdere

I più letti della settimana

  • Bucchianico, incidente in moto: muore giovane ragazzo

  • Evade oltre 700mila euro: sequestrati conti correnti e villa al titolare di azienda vitivinicola

  • Caldo killer, malore sulla spiaggia a Ortona: muore a 50 anni

  • Ponti e festività da record nel prossimo anno scolastico: ecco quando si torna sui banchi

  • Precipita da un ponteggio per oltre 2 metri e batte la testa: è grave

  • La d'Annunzio celebra i laureati eccellenti in stile americano, ma la cerimonia si tiene a Pescara

Torna su
ChietiToday è in caricamento