L'eredità della poetessa Bonincontro: quasi 8 mila libri donati alla città

I volumi serviranno a realizzare una sala lettura e studio nella delegazione comunale di piazza Carafa

L'eredità della poetessa Marilia Bonincontro, scomparsa lo scorso gennaio, regalerà un immenso patrimonio librario e culturale alla città di Chieti. Prima di morire, infatti, aveva spesso espresso la volontà di lasciare la sua biblioteca personale, di ben 7.776 volumi, al Comune. 

E, ora, il suo sogno è diventato realtà, grazie all'impegno di Giuseppina Allegrini, Mirella Corsini e Antonella De Luca, che si sono occupate di realizzare la donazione, già recepita con apposita delibera dalla giunta. 

Ora, il Comune e Chieti Solidale si sono impegnati a realizzare una sala di lettura e studio nella sede della delegazione comunale di piazza Carafa, allo Scalo, in cui poter ospitare i quasi 8mila libri donati dalla poetessa e docente. 

Un'occasione d'oro, considerato che oggi, in città, non esiste alcuna biblioteca degna di questo nome

Potrebbe interessarti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ragno violino: cosa fare in caso di attacco

  • Roccamontepiano, la festa di San Rocco: tra culto e tradizione

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • Oggi l'ultimo saluto ad Alessandro e Federico, i fratellini annegati a Ferragosto

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

  • Incidente di un'acrobata durante il Macondo festival, pubblico con il fiato sospeso

Torna su
ChietiToday è in caricamento