Dopo anni di violenza trova la forza di denunciare il compagno: arrestato un 35enne

Ieri pomeriggio l'uomo, già ai domiciliari, è stato portato nel carcere di Madonna del Freddo. I carabinieri sono intervenuti su segnalazione dei vicini dopo l'ennesima aggressione

Per anni ha subito le botte del compagno, che le aveva reso la vita impossibile e non ha esitato a picchiarla anche davanti ad altre persone. Alla fine, una giovane di 27 anni ha trovato il coraggio di denunciare e consentire ai carabinieri della compagnia di Chieti di intervenire tempestivamente per porre fine all'incubo. 

L'uomo, che tra l'altro si trovava agli arresti domiciliari per questioni di droga e banconote false, ieri pomeriggio è finito in manette: si tratta di M.A., 35 anni, originario di Cerignola (Foggia). Si tratta della prima operazione dopo l'entrata in vigore della nuova legge sulla violenza di genere. 

Oltre a picchiare più volte la giovane compagna, finita ripetutamente all'ospedale, l'uomo, che non avrebbe potuto avere contatti con estranei, ha frequentato persone pregiudicate e assunto sostanze stupefacenti. 

L'ultimo episodio pochi giorni fa, quando la ragazza è rientrata da lavoro ed è stata accolta con pugni, schiaffi e calci dal compagno. A difenderla è intervenuto un collega, che è riuscito a bloccare fisicamente il violento. I carabinieri, allertati immeditamente dai vicini, hanno trovato uno spettacolo eloquente. Sul tavolo c'erano i residui di una dose di eroina appena consumata dall'uomo. La casa era a soqquadro e in un angolo c'era la donna, con segni evidenti sul viso, terrorizzata al punto da non riuscire neppure a parlare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari hanno raccolto le testimonianze dei presenti, dei parenti e anche delle persone che avevano contattato il 112. Tutti hanno confermato le frequenti aggressioni fisiche e verbali subite dalla giovane. Dopo aver relazionato in procura al sostituto procuratore Lucia Anna Campo, è scattato l'arresto del 35enne, su disposizione del gip Andrea Di Berardino, che ne ha disposto la reclusione nel carcere di Madonna del Freddo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso in casa, muore a 39 anni tecnico informatico

  • In Abruzzo arrivano i Condhotel, stanze d'albergo vendute ai privati

  • L'Abruzzo scelto per la sperimentazione dell'app Immuni con Liguria e Puglia, si parte a giugno

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Smantellata la rete che riforniva di droga la provincia di Chieti: arrestate 13 persone

  • Decathlon investe in provincia di Chieti: apre un secondo punto vendita

Torna su
ChietiToday è in caricamento