Per il Cda Napoleone fuori dall’Università

Per il Cda della D'Annunzio il contratto di Marco Napoleone sarebbe da considerarsi nullo. Il direttore annuncia battaglia, mentre la discussione definitiva è rimandata a ottobre


Marco Napoleone fuori dal Cda dell’Università "D’Annunzio". Ci vuole poco a interrompere il rapporto di lavoro con quello che è stato per quindici anni il direttore generale dell’Ateneo.

La votazione è stata proposta dal Rettore Franco Cuccurullo. Con sedici voti contrari su ventuno presenti, il contratto di consulenza del dottor Napoleone è stato considerato nullo dal Cda. La motivazione risiede nel fatto che la cifra dello stipendio del manager è superiore a quanto stabilito dal Ministero. Secondo la direttiva Gelmini infatti, i compensi mensili di carica non dovrebbero superare i cinque mila euro e pare che quello di Napoleone fosse più del doppio.

L’ex direttore annuncia provvedimenti legali e la richiesta di un risarcimento ad hoc per quello che ha tutta l’aria di essere un licenziamento lampo.

Ma il Senato Accademico ha rinviato tutto al prossimo Consiglio di amministrazione, sei presidi su dodici non si sono presentati. Dunque appuntamento al 17 ottobre, quando, carte alla mano, si discuterà della situazione contrattuale di Napoleone.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sant'Anna piange Pierluigi Orsini, oggi i funerali

  • Ferito da un colpo di fucile durante una battuta di caccia al cinghiale: è grave

  • Poste Italiane assume portalettere anche a Chieti e provincia

  • Lanciano in lutto per la scomparsa del dottor Brasile, morto durante l'escursione sulla Majella

  • Era originario di Lanciano uno dei due escursionisti morti sulla Majella

  • Incidente in A14: nove mezzi coinvolti, tratto chiuso tra Francavilla e Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento