A Tornareccio un nuovo mosaico di Giuseppe Modica, ispirato ad Antonello da Messina

L'opera donata dal mecenate Paglione sarà inaugurata venerdì. Il bozzetto da cui è tratto era stato presentato fuori concorso dal grande maestro siciliano nel 2016, all’ultima edizione di Un Mosaico per Tornareccio

Porta la firma di Giuseppe Modica il mosaico “Annunciata Omaggio ad Antonello da Messina”, che sarà inaugurato venerdì 7 settembre, a Tornareccio. Il bozzetto da cui è tratto era stato presentato fuori concorso dal grande maestro siciliano nel 2016, all’ultima edizione di Un Mosaico per Tornareccio, la rassegna d’arte ideata dal mecenate Alfredo Paglione, originario proprio della località nel chietino, e realizzata dall’associazione Amici del Mosaico Artistico, che dal 2006 ha trasformato il borgo in un museo a cielo aperto fatto di mosaici installati sulle facciate delle case. 

Grazie a questa ennesima donazione voluta da Paglione, salgono a 91 le opere musive visibili 365 giorni l’anno, 24 ore su 24, che raffigurano bozzetti originali di artisti di fama internazionale: un vero e proprio caso unico in Italia, che richiama a Tornareccio tanti visitatori attratti da tanta bellezza. L’Annunciata di Modica, raffigurante una Madonna che richiama il grande capolavoro di Antonello da Messina, è stata trasformata in mosaico dal Gruppo Mosaicisti di Ravenna di Marco Santi, e si aggiunge agli altri otto mosaici a tema mariano installati nei pressi del santuario diocesano della Madonna del Carmine, tratti da altrettanti bozzetti realizzati da Ennio Calabria, Franco Ferrari, Edelweiss Molina, Franco Mulas, Marilisa Pizzorno, Luciano Primavera, Francesca Tulli e Tommaso Cascella. Un tema, quello del sacro, già trattato in precedenti edizioni della rassegna: lungo via del Carmine e nel piazzale accanto al Santuario è installata un’affascinante Via Crucis che ha coinvolto quindici artisti di fama internazionale chiamati a cimentarsi ognuno con una stazione. 

Ma nel paese famoso come la “capitale abruzzese del miele”, in tanti anni è stato soprattutto il tema delle api e dei fiori ad aver “sfidato” la creatività degli artisti che hanno contribuito al progetto museale di Paglione. Tra questi, importanti maestri del Novecento: Giosetta Fioroni, Omar Galliani, Gino Marotta, Gino Severini, Aligi Sassu, Ennio Calabria, Bruno Ceccobelli, Carlo Mattioli, Piero Guccione, Giuseppe Modica, Alberto Sughi, Ruggero Savinio, Riccardo Licata, Alessandra Giovannoni e Aurelio Bulzatti.

Commenta Alfredo Paglione:

L’opera di Modica rende il museo a cielo aperto di Tornareccio ancora più prestigioso. Ho voluta donarla sia per una stima personale nei confronti del maestro siciliano, sia per la mia devozione alla Madonna del Carmine: sono nato in una casa nei pressi del Santuario, ai cui lavori ha contribuito anche mio padre Ottavio. Tra le tante iniziative artistiche che ho realizzato negli anni, il museo di Tornareccio è quella che affettivamente mi coinvolge di più: i mosaici installati sono un piccolo bouquet di fiori che ho pensato per il paese che mi ha visto nascere, e al quale sono rimasto sempre legato. Possa tanta bellezza aiutare le giovani generazioni a innamorarsi dell’arte! Grazie di cuore a quanti in questi anni hanno contribuito a trasformare un sogno in realtà.

L’inaugurazione del mosaico, collocato accanto al Santuario, è prevista al termine della santa messa, in programma alle ore 19.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Allarme invasione cimici: i rimedi per eliminarle da casa

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

Torna su
ChietiToday è in caricamento