Omicidio Bomba, il nipote indagato respinge le accuse

E.T., 40 anni, interrogato oggi dal gip, nega di aver mai picchiato la nonna 95enne, giunta in fin di vita all'ospedale di Lanciano e morta poco dopo. Ma secondo le accuse del pm Vecchi, l'avrebbe colpita più volte, perché non voleva più assisterla

Ha respinto in carcere tutte le accuse E.T., 40 anni, di Bomba, arrestato sabato scorso per il presunto omicidio volontario della nonna Eliane Grimount, 95 anni, morta il 23 ottobre nell'ospedale di Lanciano dove era stata ricoverata in gravissime condizioni a causa di presunte percosse in tutto il corpo.

Assistito dall'avvocato Marcella Rossi, l'uomo oggi (mercoledì 28 ottobre) ha risposto alle domande del gip Massimo Canosa negando di aver mai picchiato la nonna. La difesa ha chiesto la sua scarcerazione. L'altro ieri, i risultati dell'autopsia avevano confermato che le lesioni sul corpo dell'anziana erano da considerarsi compatibili con le percosse.

Secondo le accuse del pm Rosaria Vecchi, suffragate dall'ordinanza cautelare emesso sabato dal gip Massimo Canosa, Il nipote avrebbe picchiato più volte picchiato la nonna, divenuto insofferente per doverla assistere.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Inaugurato il centro prelievi al vecchio ospedale, ora l'obiettivo è trasferire tutte le attività ambulatoriali sul colle

    • Cronaca

      Solo ieri l'arresto, nella notte nuovo furto al liceo Scientifico

    • Video

      Video | Benvenuti in via Piaggio: la strada colabrodo

    • Cronaca

      Fra pochi giorni saranno coperti i fasci del teatro Fenaroli: furono posizionati nel 1998

    I più letti della settimana

    • Perano, investito mentre attraversa la strada: muore a 53 anni

    • Incidente stradale ad Ancona: muore finanziere della provincia di Chieti

    • Si schianta contro un'automobile, centauro in gravi condizioni

    • Perde il controllo del trattore e muore schiacciato mentre torna a casa

    • Si è spento Vittorio Storto: fondò il bar Impero sul corso

    • Teatino evade dai domiciliari e si costituisce a Venezia: "Mia mamma è andata in Messico, meglio in carcere che solo"

    Torna su
    ChietiToday è in caricamento