Radiologia, nuove apparecchiature all'ospedale di Chieti

Un mammografo e un apparecchio per la radiologia tradizionale di ultima generazione permetteranno esami più rapidi e precisi, con una minore quantità di raggi X sulle pazienti. L'obiettivo è ridurre i tempi d'attesa per gli utenti

Nuove tecnologie alla Radiologia dell’ospedale di Chieti: sono entrati in funzione in questi giorni, infatti, un mammografo e un apparecchio per la radiologia tradizionale di ultima generazione, che permetteranno di effettuare gli esami più rapidamente e con una migliore qualità delle immagini, a vantaggio della precisione della diagnosi e della riduzione dei tempi d’attesa.

Il nuovo mammografo, che va ad affiancare quello già in uso al Santissima Annunziata, è più veloce ed eroga una minore quantità di raggi X sulle pazienti, con indubbi benefici per la sicurezza. In tal modo durante la giornata è possibile effettuare un numero maggiore di esami, con conseguente beneficio sulla riduzione dei tempo di attesa. Il nuovo mammografo è inoltre dotato di tecnologia stereotassica, in grado, cioè, di effettuare rilevazioni tridimensionali sulla mammella, ed è collegato in rete con tutti gli altri apparecchi dislocati nel territorio della Asl Lanciano Vasto Chieti. Questo vuol dire che il medico che effettua la mammografia all’ospedale di Chieti, può confrontare in tempo reale le immagini appena acquisite con quelle archiviate in qualsiasi altra postazione aziendale dove la paziente in precedenza ha effettuato l’esame.  

Il nuovo mammografo, infine, è già utilizzato anche per effettuare gli esami dello screening, il programma di prevenzione del tumore della mammella che permette alle donne di età compresa fra i 50 e i 69 anni di effettuare la mammografia gratuitamente e senza prenotazione.

L’apparecchio Rx digitale appena  entrato in funzione, è anch’esso di ultima generazione e permette di acquisire e ricostruire completamente in digitale immagini radiografiche molto complesse di ogni area del corpo, con vantaggi in termini di qualità e rapidità. Uno dei punti di forza di questa tecnologia è la possibilità di effettuare una radiografia completa dello scheletro: per particolari esami sotto sforzo il paziente rimane in piedi mentre la macchina si muove lungo il suo corpo per acquisire le immagini che vengono ricostruite grazie a un software. In questo modo è possibile studiare con più accuratezza alcuni disturbi della colonna vertebrale che sono visibili solo restando in piedi.

«L’ammodernamento tecnologico resta una delle nostre priorità - sottolinea il Direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Francesco Zavattaro - e le ultime acquisizioni in Radiologia a Chieti rappresentano un passo evidente in questa direzione. Per il  mammografo e l’Rx digitale l’Azienda sanitaria ha speso circa 320 mila euro di fondi propri, ma il programma degli investimenti prevede per i prossimi mesi numerosi nuovi acquisti. Una prova, semmai ce ne fosse bisogno - prosegue Zavattaro - che la nostra Azienda è più impegnata che mai in nuove sfide, finalizzate a dare ai cittadini di questo territorio più qualità e più assistenza. Un obiettivo perseguibile a piccoli passi, con costanza e determinazione, grazie anche all’impegno dei nostri professionisti, sempre più motivati a realizzare quel modello di sanità moderna ed efficiente che ci avvicina alle regioni più evolute. Abbiamo ancora strada da fare, ma i primi risultati ci inducono ad andare avanti, sempre con lo stesso impegno. Siamo un’Azienda viva e intenzionata a crescere».  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sant'Anna piange Pierluigi Orsini, oggi i funerali

  • Ferito da un colpo di fucile durante una battuta di caccia al cinghiale: è grave

  • Poste Italiane assume portalettere anche a Chieti e provincia

  • Lanciano in lutto per la scomparsa del dottor Brasile, morto durante l'escursione sulla Majella

  • Era originario di Lanciano uno dei due escursionisti morti sulla Majella

  • Incidente in A14: nove mezzi coinvolti, tratto chiuso tra Francavilla e Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento