Nuova discarica a Valle Cena. C'è chi dice no! E altri cosa dicono?

Il 15 in Commissione VIA torna il progetto di discarica a Furci, dalla mobilitazione una - oltre 2000 firme per la petizione - netta richiesta: chiudete questa vicenda per sempre!

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Potremmo ricorrere alla nota canzone rock per ripercorrere queste settimane di mobilitazione del nostro Comitato. La raccolta firme sulla petizione da noi lanciata prosegue, ottenendo un numero di firme e sostegni anche oltre le nostre aspettative. Siamo ormai oltre  2000 firme raccolte. E altre persone, che ci hanno contattato sulla nostra pagina facebook e alla mail comitatocomprensoriovastese@gmail.com, stanno raccogliendo autonomamente.

Dalle istituzioni locali e regionali registriamo un crescente aumento del no al progetto della Cupello Ambiente: vari sindaci del territorio, i cosiglieri di opposizione di Vasto Suriani e Laudazi, i consiglieri regionali Smargiassi e Olivieri, il sottosegretario Mazzocca. Non abbiamo ancora notizia, invece, di altri rappresentanti istituzionali che - nonostante la crescente mobilitazione popolare attorno al progetto non si sono ancora espressi. A partire dal sindaco del Comune che già ospita la discarica Civeta, Cupello.

Il prossimo 15 novembre il Comitato Valutazione Impatto Ambientale della Regione Abruzzo tornerà a discutere, dopo gli ultimi due rinvii di dicembre 2017 e luglio di quest'anno, del progetto di discarica a Furci. Un progetto presentato la prima volta il 5 dicembre 2005, archiviato una prima volta il 15 marzo 2015 e resuscitato a marzo dell'anno scorso. Nella petizione lanciata dal nostro comitato, uno dei punti pone l'attenzione sull'effetto cumulo del progetto della Cupello Ambiente con altri impianti e progetti nella stessa area. A partire, appunto, dal progetto di Furci. L'attenzione al territorio e alla salute non può prescindere, come sottolinea la petizione, da una valutazione generale e un quadro d'insieme del territorio. Dalle quasi 2000 firme alla petizione e dalla mobilitazione che stiamo portando avanti da quasi 3 mesi parte quindi una netta richiesta ai commissari regionali: si chiuda una volta per tutte la vicenda di Furci archiviando - questa volta definitivamente - il progetto di discarica presentato dalla Vallecena srl.

Torna su
ChietiToday è in caricamento