La nonna morì per cause naturali, il nipote dopo due anni assolto dall'accusa di omicidio

Non fu omicidio a Bomba: la perizia ha escluso ogni responsabilità a carico di Emilio Teti che ora chiede un risarcimento per ingiusta detenzione

Non è stato Emilio Teti a uccidere la nonna nell'ottobre del 2015 a Bomba. Eliane Gromount, 95 anni, morì per cause naturali.

Lo ha stabilito il gup del Tribunale di Lanciano Marina Valente dopo che la perizia del medico legale Cristian D'Ovidio ha escluso ogni responsabilità da parte dell'imputato. Lo stesso è stato assolto anche dall'accusa di presunti maltrattamenti nei confronti della madre.

Teti è stato in carcere per 15 mesi con l'accusa di aver ucciso la nonna, arrivata in ospedale a Lanciano in stato precomatoso e con ecchimosi. Morì pochi giorni dopo. L'autopsia aveva confermato la morte per percosse. La perizia disposta dal gup invece ha escluso lesioni: l'anziana è morta per infarto.

Ora il suo legale Massimiliano Sichetti avvierà un procedimento per ingiusta detenzione e chiederà il risarcimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

  • Coronavirus, l'ordinanza della Regione Abruzzo: chi torna da zone a rischio deve comunicarlo al medico

  • Anffas Chieti in lutto: è morta la presidente Gabriella Casalvieri

Torna su
ChietiToday è in caricamento