La nonna morì per cause naturali, il nipote dopo due anni assolto dall'accusa di omicidio

Non fu omicidio a Bomba: la perizia ha escluso ogni responsabilità a carico di Emilio Teti che ora chiede un risarcimento per ingiusta detenzione

Non è stato Emilio Teti a uccidere la nonna nell'ottobre del 2015 a Bomba. Eliane Gromount, 95 anni, morì per cause naturali.

Lo ha stabilito il gup del Tribunale di Lanciano Marina Valente dopo che la perizia del medico legale Cristian D'Ovidio ha escluso ogni responsabilità da parte dell'imputato. Lo stesso è stato assolto anche dall'accusa di presunti maltrattamenti nei confronti della madre.

Teti è stato in carcere per 15 mesi con l'accusa di aver ucciso la nonna, arrivata in ospedale a Lanciano in stato precomatoso e con ecchimosi. Morì pochi giorni dopo. L'autopsia aveva confermato la morte per percosse. La perizia disposta dal gup invece ha escluso lesioni: l'anziana è morta per infarto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora il suo legale Massimiliano Sichetti avvierà un procedimento per ingiusta detenzione e chiederà il risarcimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte: muore un giovane di 22 anni, ferita una donna [FOTO]

  • Ascanio Celestini, Lino Guanciale e gli Avion Travel: estate di grandi nomi a Guardiagrele

  • “Morti aspettando la cassa integrazione”: necrologi shock di CasaPound davanti alla sede Inps

  • Assegno familiare: tutti i requisiti per ottenerlo

  • Pestaggio fuori dal pub del centro: 23enne in ospedale con fratture al volto, caccia agli aggressori

  • Coronavirus: cinque nuovi casi oggi in Abruzzo, nessuno in provincia di Chieti, ma si registra un decesso

Torna su
ChietiToday è in caricamento