Mirco Pelliccia scomparso dopo il volo a Londra: l'appello dei genitori

Il 28enne originario di Torrebruna è scomparso a inizio ottobre scorso dopo essere andato a Londra. L'appello della famiglia

Scomparso Mirco Pelliccia da Roma
Non si hanno più sue notizie dallo scorso 3 ottobre di Mirco Pelliccia. In quel momento era a Londra, dopo essere passato dall'Albania, dove aveva raggiunto la fidanzata. Mirco Pelliccia, classe 1985, vive a Roma ma la sua famiglia è originaria di Torrebruna, nell'alto Vastese. Sono giorni di apprensione per i suoi genitori che non hanno più contatti con lui da giorni.

Il giovane avrebbe comunicato ai genitori di dover andare a Londra, insieme ad un conoscente di nazionalità albanese. Il viaggio in Inghilterra è avvenuto il primo ottobre scorso ed aveva come obiettivo l'acquisto di un'auto. Nei giorni seguenti i genitori hanno sentito telefonicamente Mirco, fino al 3 ottobre. Da quel giorno il silenzio.

I suoi genitori hanno presentato denuncia di scomparsa l'8 di ottobre. La foto di Mirco Pelliccia è stata inserita anche tra le segnalazioni di scomparsa del sito di 'Chi l'ha visto?'.

Chiunque avesse notizie o comunicazioni da fare può contattare la madre, Antonella Scoppa, al numero 339 7274841


 

Potrebbe interessarti: http://www.romatoday.it/cronaca/mirco-pelliccia-scomparso.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba di dieci mesi rischia di soffocare al centro commerciale: salvata da un infermiere

  • La simpatia di Alessandra da Chieti conquista la puntata di Avanti un altro

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Tragico incidente: auto finisce in un fosso a pochi metri dalla cerimonia per Rigopiano, morta una donna di Chieti

  • Trova i ladri in camera da letto mentre gioca alla Play: paura in casa a Vasto Marina

  • Cane investito e ucciso in pieno centro nell'indifferenza, la rabbia dei padroni: "Il responsabile deve pagare"

Torna su
ChietiToday è in caricamento