Lanciano, aggredito da sei coetanei. Il papà: "Rischia di perdere un occhio"

Il 17enne è stato preso a pugni da un gruppo di ragazzi mentre tornava a casa dalla nottata delle "Feste di Settembre"

È stato aggredito e malmenato da un gruppo di ragazzi mentre tornava a casa dopo la "Nottata" delle Feste di Settembre lancianesi e ora rischia di perdere un occhio.  Un diciassettenne di Lanciano è stato vittima dell'aggressione da parte di un branco composto da sei coetanei.

Il grave episodio è avvenuto alle 5,30 di sabato 14. Conclusi i fuochi pirotecnici che danno il via alle festività patronali. E.M. sta per riprendere lo mscooter per tornare a casa. Dalle giostre, alla Pietrosa, sale le scalette di legno che portano a largo Mario Bianco.

Qui - racconta l'aggredito - il gruppo inizia ad offenderlo: uno scambio di parole e arriva il pugno in pieno volto al ragazzo. Le lenti degli occhiali da vista vanno in frantumi e una scheggia gli lacera la cornea dell'occhio sinistro.  Il gruppo, nel frattempo, si allontana. Il diciassettenne riesce a contattare al telefono la sua ragazza, che lo aiuta a tornare a casa. L'occhio fa troppo male, così i genitori accompagnano il figlio al Pronto soccorso. Sabato sera il ragazzo è stato operato all'ospedale di Pescara.

Davide M., papà del diciassettenne, ieri ha lanciato un appello sui social: "Se qualcuno avesse visto qualcosa mi contatti 3203263709, mio figlio rischia di perdere un occhio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Lutto nella sanità abruzzese: si è spenta la dottoressa Mariangela Bellisario

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

  • Coronavirus: la circolare del Ministero della Salute per non contrarre il virus cinese

  • In tribunale con gli screenshots delle conversazioni della moglie per provare il tradimento ma viene denunciato

  • L'infermiere era costretto a mansioni da Oss: condannata l'azienda sanitaria

Torna su
ChietiToday è in caricamento